Venerdì 20 Luglio 2018 - 20:15

"Ant-man and The Wasp" apre Giffoni 2018, Lilly e Rudd: "Parità dei sessi e sguardo ai bimbi in questo Marvel"

Il secondo film dedicato al più piccolo dei supereroi arriverà nelle sale italiane ad agosto

Photocall del film Ant-Man and The Wasp

Negli Stati Uniti è arrivato il 6 luglio scorso, in Italia invece bisognerà aspettare il 14 agosto per vedere il secondo film dedicato al più piccolo dei supereoi Marvel, Ant-Man. Ma, a dimostrazione che la stazza non sempre conta, l'anteprima italiana di Ant-Man and the Wasp è stata destinata ai fan più piccoli: il lungometraggio è stato scelto per aprire la 48ma edizione del Giffoni Film Festival, la kermesse campana dedicata a bambini e ragazzi.

A presentare il film i due protagonisti, Paul Rudd ed Evangeline Lilly che tornano rispettivamente nei panni di Scott Lang e Hope van Dyne. Ma con una novità: questa volta non è solo lui ad avere un alter-ego, quello di Ant-Man, perché l'ex star di Lost indossa il costume di The Wasp e diventa una supereroina a tutti gli effetti. La prima, nell'universo Marvel, a guadagnarsi un ruolo da protagonista e ad apparire persino nel titolo del film. Lilly era al settimo cielo quando ha saputo che il nuovo capitolo della saga di Ant-Man avrebbe introdotto il personaggio di The Wasp. "Per tantissime ragioni, ero entusiasta all’idea di interpretare ancora una volta Hope”, commenta Lilly. "In Ant-Man aveva affrontato un arco emotivo enorme. Dunque è stato emozionante tornare nei panni di questo personaggio, che ora si trova in uno spazio mentale nuovo: è più a suo agio nella propria pelle e ha un rapporto migliore con suo padre. Ma devo ammettere", ha aggiunto ridendo, "che sono tornata principalmente per indossare la tuta di Wasp. Hope voleva disperatamente seguire le orme dei suoi incredibili ed eroici genitori: finalmente c’è riuscita e lo sta facendo molto bene".

Questo sequel di Ant-Man (anche questo presentato a Giffoni nel 2015), si colloca subito dopo gli eventi di Captain America: Civil War: Scott Lang finisce agli arresti domiciliari dopo la sua avventura con gli Avengers e ora deve affrontare le conseguenze delle proprie scelte sia come supereroe sia come padre. Ma quando Hope van Dyne gli chiede di aiutarla a ritrovare sua madre Janet (Michelle Pfeiffer), da trent'anni intrappolata nel regno quantico subatomico, Scott indossa ancora una volta la sua tuta e impara a combattere al fianco di Wasp, mentre il Dr. Hank Pym (Michael Douglas) cerca di far luce su alcuni segreti del suo passato.

 

La nostra video-intervista agli attori protagonisti

 

Loading the player...

Poche ore prima dell'anteprima di Giffoni Valle Piana, le due star sono passate per la Capitale dove hanno incontrato la stampa e hanno rivelato che entrambi da bambini sognavano di diventare supereroi. "Ho sempre voluto essere Hulk, ma non me lo hanno fatto fare", ha scherzato Paul Rudd. Mentre Evangeline Lilly ha rivelato: "Avrei voluto essere la Catwoman di Michelle Pfeiffer e alla fine mi sono ritrovata lei come madre in questo film quindi posso dire che sto vivendo il mio sogno". E proprio per questo sentono la responsabilità di avere tanti fan bambini e di incontrare alcuni di loro in occasione del Giffoni Film Festival. "È meraviglioso pensare - ha spiegato Lilly - che oggi io possa significare per dei bambini ciò che Michelle Pfeiffer ha significato per me quando interpretava Catwoman". E Paul Rudd, che del film è anche co-sceneggiatore, ha aggiunto: "La differenza tra questo film e tutti i precedenti della Marvel sta proprio nel voler affrontare l'argomento del rapporto tra genitori e figli. Volevamo che i piccoli spettatori potessero rivedersi in Cassie, che nel film è la figlia di Ant-Man, e rivedere un po' di se stessi durante la visione di questa storia. Quindi è veramente emozionante quando incontriamo dei bambini che hanno trovato uan connessione con i nostri personaggi".

Un film importante anche perché conferma un personaggio femminile tosto, intelligente e di grande presenza come The Wasp. "Le donne - ha dichiarato Evangeline Lilly - non hanno ancora raggiunto la parità dunque sono molto orgogliosa e onorata di far parte di un film Marvel in cui i due protagonisti, un uomo e una donna, sono trattati nello stesso modo". Non solo sullo schermo in cui dimostrano di essere una coppia affiata sia nelle scene d'azione che in quelle comiche, ma anche in tutto il marketing e la pubblicità che gira intorno a un blockbuster: entrambi appaiono nella locandina, entrambi i nomi sono nel titolo, entrambi sono diventati dei giocattoli. Un piccolo passo che porta con sé un messaggio importante, soprattutto verso il pubblico più giovane.

Scritto da 
  • Corinna Spirito
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Premiere di Molly's Game a Londra

Idris Elba prossimo James Bond? L'attore alimenta le voci su Twitter

Un cinguettio semplice, ma molto significativo

GERMANY-BERLINALE-FILM-CHATRIAN

Locarno Festival, Pardo d'oro al regista singaporeano Yeo Siew Hua per A land imagined

Tra i grandi ospiti di quest'anno Ethan Hawke e Ted Hope, Meg Ryan, Bruno Dumont e la masterclass di Kyle Cooper

PARIS -  David Cronenberg

Venezia 75, "M. Butterfly" e master class per Leone alla carriera a Cronenberg

Il film sarà proiettato in versione originale con sottotitoli italiani giovedì 6 settembre

Notte degli Oscar 2018 .I premiati

Grandi novità per gli Oscar: arriva la statuetta per i film popolari

L'Academy annuncia di voler anche anticipare l'edizione del 2020