Domenica 05 Giugno 2016 - 08:30

Giappone, si laurea a 96 anni ed entra nel Guinness dei Primati

L'uomo ha conseguito la laurea in arte e design all'Università di Kyoto

Giappone, si laurea a 96 anni ed entra nel Guinness dei Primati

Shigemi Hirata, giapponese di 96 anni, è la persona più anziana al mondo ad essersi laureata, entrando così nel Guinness dei Primati. "Sono molto felice. Lo studio è divertimento a qualsiasi età", ha spiegato l'uomo al quotidiano giapponese Yomiuri. Hirata, residente a Takamatsu nell'est del Giappone, nel marzo scorso ha conseguito la laurea in arte e design all'Università di Kyoto all'età di 96 anni e 200 giorni. L'uomo ha impiegato 11 anni a ottenere il titolo studiando grazie a corsi per corrispondenza.

Hirata è nato a Hiroshima il 1° settembre del 1919: entrato nella marina giapponese durante la II Guerra mondiale, dopo la guerra ha lavorato in un ospedale di Takamatsu come custode fino alla pensione, nei primi anni Ottanta. "Il mio prossimo obiettivo è quello di arrivare a 100 anni. Se poi sarò ancora in buona salute, mi iscriverò alla scuola di specializzazione", ha spiegato ridendo Hirata, che ha due figli, cinque nipoti e quattro pronipoti.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Campagna di Russia

La ritirata di Russia 75 anni fa: 100mila soldati non tornarono

"Solo a piedi, sempre a piedi, con un freddo terribile", ricorda ancora oggi l'allora giovane sottotenente della divisione Ravenna Guido Placido

Putin e Erdogan in conferenza stampa a Ankara

Russia, Putin: "Correrò alle elezioni da indipendente"

Il presidente russo spera nel sostegno di più di un partito politico

Handout photo of Kentucky state Representative Dan Johnson (R-KY)

Usa, si suicida deputato repubblicano del Kentucky accusato di stupro

L'accusa di stupro risale al 2013, ma il caso era stato riaperto sulla scia degli scandali sessuali che hanno travolto altri 4 deputati della sua legislatura

Rohingya refugees make their way over a bridge at the Kutupalong refugee camp near Cox's Bazar

Birmania, Msf: "6.700 rohingya uccisi in un mese". E il Papa: "Sono loro Gesù"

Il bilancio ufficiale delle autorità birmane riferito allo stesso periodo è di 400 vittime