Venerdì 26 Agosto 2016 - 08:00

Giappone, camionista gioca a Pokemon Go e uccide una donna

L'uomo è stato arrestato per guida negligente

Giappone, camionista gioca a Pokemon Go e uccide una donna

Dramma in Giappone. Il conducente di un camion giocava a Pokemon Go mentre era alla guida e ha investito due donne, uccidendone una e ferendo l'altra. Si tratta del primo incidente del genere nel Paese. Il camionista è stato arrestato per guida negligente. "Il conducente è ancora in custodia. Non è stata presa ancora una decisione sul se si procederà con le accuse", ha riferito un portavoce della polizia.

Nintendo ha porto le condoglianze alla famiglia della donna uccisa: "Pokemon Company e Niantic si sforzano di creare un ambiente in cui le persone possano giocare in sicurezza e continueremo a farlo", ha detto un portavoce rispondendo a chi chiedeva se la società avrebbe adottato nuove misure preventive contro gli incidenti. Niantic Inc, che ha sviluppato Pokemon Go insieme all'affiliata di Nintento Pokemon Company, ha riferito che la società ha aggiunto un pop-up allo schermo di Pokemon Go che, quando rileva un aumento di velocità, chiede conferma che l'utente non stia guidando.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Egitto, scarcerato l'ex presidente Mubarak

Egitto, scarcerato l'ex presidente Mubarak

Assolto dalle accuse di aver dato ordine di sparare e uccidere dimostranti nel corso della rivoluzione del 2011

Attacco a Londra, altri due arresti: nove persone in custodia

Attacco a Londra, altri due arresti: nove persone in custodia

La polizia sta portando avanti perquisizioni in cinque proprietà

Mogherini: Se coordiniamo intelligence riusciremo a battere Isis

Mogherini: Se coordiniamo l'intelligence batteremo l'Isis

"La battaglia va combattuta su diversi piani", non solo con l'azione militare in Siria e Iraq

Trump su un camion per l'incontro con i camionisti

Ultimatum Trump a Gop: Votate riforma o resta Obamacare

Il voto sull'abrogazione della legge sanitaria voluta dall'ex presidente è stato rimandato a oggi