Mercoledì 14 Settembre 2016 - 17:45

Giallo di Seriate, l'amica: Gianna non mi parlò mai di percosse

Gli inquirenti di nuovo a casa della professoressa uccisa tra il 26 e 27 agosto

Giallo di Seriata, l'amica: Gianna non mi parlò mai di percosse

Barbara D'Urso, a Pomeriggio 5, rivela alcune novità sull'omicidio di Gianna Del Gaudio. L'inviato infatti del programma riferisce che gli inquirenti siano nuovamente stati a casa della professoressa uccisa la notte tra il 26 e 27 agosto. I militari stanno cercando una collana da cui la donna non si staccava mai e che sul corpo non è stata ritrovata e di cui ancora non c'è traccia. Successivamente viene intervistata un'amica di Gianna che afferma: "Non mi ha mai raccontato di percosse o di eventuali cadute che l'avrebbero costretta a curarsi".
 

Nei giorni scorsi il marito aveva  smentito le ultime notizie riguardanti la possibilità che la moglie avesse subito maltrattamenti e percosse: "Cadeva spesso mia moglie, una volta si è fatta male a un ginocchio e alla bocca cadendo fuori casa. Mentre i denti li aveva fatti sistemare dal dentista: si era rifatta l'arcata superiore" aveva detto Antonio Tizzani, marito di Gianna.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Terremoto, Trudeau vicino al dolore dei cittadini di Amatrice

Terremoto, Trudeau vicino al dolore dei cittadini di Amatrice

Il premier canadese è arrivato in elicottero con la moglie Sophie il ministro dell'Interno Angelino Alfano

Terremoto,  premier canadese Trudeau commosso a Amatrice

Terremoto, premier canadese Trudeau commosso a Amatrice

Il premier e la moglie hanno deposto un mazzo di fiori nella zona rossa

Amatrice, il premier canadese Trudeau nella zona rossa

Terremoto, il premier canadese Justin Trudeau vista la zona rossa di Amatrice

A accoglierlo il sindaco Pirozzi che ha stilato una "lista nera" di chi non lavora a ricostruzione

Napoli, in porto nave con oltre 1400 migranti a bordo

Napoli, in porto nave con oltre 1400 migranti a bordo

I profughi erano a bordo della nave Prudence di Medici Senza Frontiere