Mercoledì 14 Settembre 2016 - 17:45

Giallo di Seriate, l'amica: Gianna non mi parlò mai di percosse

Gli inquirenti di nuovo a casa della professoressa uccisa tra il 26 e 27 agosto

Giallo di Seriata, l'amica: Gianna non mi parlò mai di percosse

Barbara D'Urso, a Pomeriggio 5, rivela alcune novità sull'omicidio di Gianna Del Gaudio. L'inviato infatti del programma riferisce che gli inquirenti siano nuovamente stati a casa della professoressa uccisa la notte tra il 26 e 27 agosto. I militari stanno cercando una collana da cui la donna non si staccava mai e che sul corpo non è stata ritrovata e di cui ancora non c'è traccia. Successivamente viene intervistata un'amica di Gianna che afferma: "Non mi ha mai raccontato di percosse o di eventuali cadute che l'avrebbero costretta a curarsi".
 

Nei giorni scorsi il marito aveva  smentito le ultime notizie riguardanti la possibilità che la moglie avesse subito maltrattamenti e percosse: "Cadeva spesso mia moglie, una volta si è fatta male a un ginocchio e alla bocca cadendo fuori casa. Mentre i denti li aveva fatti sistemare dal dentista: si era rifatta l'arcata superiore" aveva detto Antonio Tizzani, marito di Gianna.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Palermo, nuovo sbarco di migranti al porto: 241 sono bambini

"In Europa e Italia donne e bambini a rischio sfruttamento"

Il rapporto di Save the Children. Nel nostro paese nel 2016 le vittime sono state 1.172

Milano, 7mila euro per falsi permessi di soggiorno: in carcere 're delle trans'

Milano, 7mila euro per falsi permessi di soggiorno: in carcere 're delle trans'

Secondo gli investigatori, Biagio Lomolino era a capo di un giro di prostituzione dei trans sudamericane nel capoluogo lombardo

Processo Talluto, la pm chiede l'ergastolo per 'l'untore dell'hiv'

Il 32enne sieropositivo è accusato di epidemia dolosa e lesioni gravissime, per aver contagiato negli anni decine di partner con rapporti non protetti

Gasolio rubato in Libia e rivenduto in Italia ed Europa: sei arresti a Catania VIDEO

La merce veniva sottratta dalla raffineria di Zawyia, trasportata via mare in Sicilia e successivamente immessa nel mercato