Mercoledì 14 Settembre 2016 - 17:45

Giallo di Seriate, l'amica: Gianna non mi parlò mai di percosse

Gli inquirenti di nuovo a casa della professoressa uccisa tra il 26 e 27 agosto

Giallo di Seriata, l'amica: Gianna non mi parlò mai di percosse

Barbara D'Urso, a Pomeriggio 5, rivela alcune novità sull'omicidio di Gianna Del Gaudio. L'inviato infatti del programma riferisce che gli inquirenti siano nuovamente stati a casa della professoressa uccisa la notte tra il 26 e 27 agosto. I militari stanno cercando una collana da cui la donna non si staccava mai e che sul corpo non è stata ritrovata e di cui ancora non c'è traccia. Successivamente viene intervistata un'amica di Gianna che afferma: "Non mi ha mai raccontato di percosse o di eventuali cadute che l'avrebbero costretta a curarsi".
 

Nei giorni scorsi il marito aveva  smentito le ultime notizie riguardanti la possibilità che la moglie avesse subito maltrattamenti e percosse: "Cadeva spesso mia moglie, una volta si è fatta male a un ginocchio e alla bocca cadendo fuori casa. Mentre i denti li aveva fatti sistemare dal dentista: si era rifatta l'arcata superiore" aveva detto Antonio Tizzani, marito di Gianna.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Condannato a 30 ann Fabio Di Lello: uccise l'uomo che investì la moglie

Vasto, condannato a 30 anni Fabio Di Lello: uccise l'uomo che investì la moglie

L'omicidio lo scorso primo febbraio, la procura di Lanciano aveva chiesto l'ergastolo: il 34enne resta in carcere

Roma, processo matrimonio Lollobrigida: assolto 'falso' marito

Processo su nozze Lollobrigida: assolto 'falso' marito

A denunciarlo l'attrice, che si era detta vittima di una truffa

Terrorismo, Minniti firma espulsione per tunisino estremista

Terrorismo, firmata espulsione per tunisino estremista

L'uomo era stato arrestato per propaganda jihadista sul web

Corona, collaboratrice: Fuori dalla società c'era la fila di clienti

Corona, collaboratrice: Fuori dalla società c'era la fila di clienti

Il racconto di Alice Perdon, che lavorava con il re dei paparazzi