Lunedì 18 Aprile 2016 - 17:30

Gerusalemme, esplosione su bus: 21 feriti. Sindaco: E' stata bomba

Netanyahu assicura: "Prenderemo responsabili"

Gerusalemme, esplosione su un bus: 15 i feriti, 2 gravi

Sale il bilancio delle persone rimaste ferite nell'esplosione avvenuta su un bus a Gerusalemme: secondo quanto riferito dalla polizia, sarebbe 21. Gli agenti intanto hanno confermato che l'esplosione è stata provocata da un ordigno che era stato collocato nella parte posteriore del bus: a seguito dello scoppio ha preso fuoco anche un bus che viaggiava dietro e sul quale viaggiavano le persone rimaste ferite. Sempre la polizia fa sapere che al momento gli artificieri stanno controllando sia i due bus, sia un'auto che viaggiava dietro ed è rimasta carbonizzata, per analizzare i resti di esplosivi.

 

SINDACO: E' STATA BOMBA. Non ha dubbi sull'origine dell'esplosione il portavoce del sindaco della città Nir Barkat, Brachie Sprung. "Era piccola ma era decisamente una bomba", ha detto a Reuters.

NETANYAHU: PRENDERMO RESPONSABILI. "Prenderemo chi ha realizzato questo ordigno. Prenderemo chi li ha inviati e chiunque ci sia dietro ciò. Chiuderemo i conti con questi terroristi", ha dichiarato il premier israeliano, Benjamin Netanyahu.

 

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Migranti, affondato un barcone al largo delle coste libiche

Migranti, Gentiloni attacca: "Inaccettabile indisponibilità di alcuni Paesi"

Il premier al vertice Ue di Bruxelles: "Le regole non sono optional". Unicef: "400 bambini annegati nel Mediterraneo nel 2017"

Olanda, accoltellamento a Maastricht: almeno due morti

Diverse persone ferite nella città al confine tra Belgio e Olanda. Non si sa se si tratta di terrorismo

Francia, treno travolge scuolabus vicino a Perpignan

Francia, scontro treno-scuolabus vicino Perpignan: morti quattro adolescenti

Il pullman che trasportava i ragazzini dal liceo di Millas spaccato a metà nell'impatto, come feriscono alcuni testimoni

Campagna di Russia

La ritirata di Russia 75 anni fa: 100mila soldati non tornarono

"Solo a piedi, sempre a piedi, con un freddo terribile", ricorda ancora oggi l'allora giovane sottotenente della divisione Ravenna Guido Placido