Venerdì 08 Gennaio 2016 - 12:30

Germania, violenze Colonia: 31 arresti tra cui 18 richiedenti asilo

La maggior parte dei 32 atti criminali documentati dalla polizia federale nella notte riguarda furto e lesioni personali

Germania, violenze Colonia: 31 arresti tra cui 18 richiedenti asilo

Vi sono anche alcuni richiedenti asilo tra coloro che hanno provocato le violenze di Capodanno a Colonia contro un centinaio di donne. Lo riferisce il portavoce del ministero dell'Interno tedesco, Tobias Plate, durante una conferenza stampa, spiegando che la polizia federale ha arrestato e identificato 31 persone tra coloro che hanno partecipato alle violenze, 18 dei quali avevano presentato domanda di asilo in Germania.

Plate ha aggiunto che la maggior parte dei 32 atti criminali documentati dalla polizia federale nella notte riguarda il furto e lesioni personali. Tre riguardavano aggressioni sessuali, ma la polizia non ha rilasciato ulteriori informazioni. I 31 sospetti sono stati interrogati: nove sono di origine algerina, otto provenivano dal Marocco, cinque dall'Iran e quattro dalla Siria. Tra loro anche due cittadini tedeschi, un iracheno, un serbo e un cittadino degli Stati Uniti.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

TURKEY-US-POLITICS-JUSTICE-RELIGION-DIPLOMACY

Turchia, respinta nuova richiesta di rilascio del pastore Usa

Washington minaccia nuove sanzioni. Ankara replica: "Pronti a reagire"

Jena, Angela Merkel alla conferenza "Citizens' dialogue on the future of Europe"

Migranti, Berlino: "Accordo con Grecia, intesa vicina anche con Italia"

Al centro i respingimenti al confine dei profughi che abbiano già chiesto asilo in altri Paesi europei

Si ribalta pullman Flixbus in viaggio verso Berlino: 16 feriti

Il mezzo è finito in un fossato, si indaga sulla dinamica. Sei persone in gravi condizioni

Bari, iniziativa Coldiretti per salvare il grano italiano

Motovedetta italiana salva 170 migranti. Salvini attacca: "Non avvertiti"

Il barcone era nelle acque Sar maltesi ed è stato riaccompagnato dalle motovedette di La Valletta verso quelle italiane. Il ministero degli Interni: "Li riportino a Malta"