Sabato 23 Settembre 2017 - 12:00

Germania, Merkel fischiata a Monaco. E Schulz: "Fuori dal letargo"

I sondaggi restano tutti a favore della cancelliera

Germania, Merkel fischiata a Monaco. E Schulz: "Fuori dal letargo"

La cancelliere tedesca Angela Merkel (Cdu) ha chiuso, ieri, la sua campagna per la rielezione a Monaco di Baviera, un territorio conservatore, in cui è stata contestata da gruppi di ultrasinistra, mentre il suo principale rivale, il socialdemocratico Martin Schulz, ha esortato i suoi a Berlino a non gettare la spugna. I tedeschi andranno le urne domenica.

Con tutti i sondaggi a favore per un quarto mandato, Merkel è arrivata nella città bavarese nel bel mezzo dell'Oktoberfest e ha portato migliaia di fan nella centrale Marienplatz. Le proteste sono esplose da dietro la linea di sicurezza, questa volta principalmente da gruppi di sinistra, mescolati a qualcuno dell'ultradestra.
'Merkel odia la Germania', si leggeva su un cartello che ha preso di mira presumibilmente la sua politica di accoglienza dei rifugiati, mentre altri manifestanti hanno mostrato cartelli contro la 'deportazione' dei richiedenti asilo e molti, più semplicemente, hanno rumoreggiato e fischiato.

La cancelliera ha iniziato il suo discorso affermando che non si gestisce un Paese con 'boo' e fischi, per poi continuare a tirar fuori gli assi della sua campagna per la rielezione: il suo blocco conservatore è sinonimo di sicurezza, stabilità e progresso. "Vogliamo una Germania in cui continuiamo a vivere bene e a nostro agio", ha detto parafrasando il motto del suo partito in queste elezioni, in cui ha insistito che non si può regalare un voto.

Dal canto suo, il leader dell'Spd Martin Schulz ha chiesto ai suoi seguaci di combattere per porre fine alla "letargia" dell'era Merkel e alla sua "politica del sonno", oltre a chiudere il cammino verso l'estrema destra. Anche se i sondaggi assegnano ai socialdemocratici il peggio risultato della propria storia, a 13-14 punti di distanza dai conservatori. Schulz, accompagnata dai ministri dell'Spd che hanno condiviso l'esperienza di governo con la Merkel durante questi quattro anni della grande coalizione, ha voluto chiarire che "ci sono differenze". Per poi elencare le leggi approvate su iniziativa socialdemocratica, dal salario minimo interprofessionale al matrimonio omosessuale. Dopodiché si è detto "orgoglioso" e ha promesso di combattere né per sé né per battere gli istituti demoscopici, ha spiegato, ma per "i principi, i convinzioni e la giustizia". Quindi, Schulz si è scagliato contro il partito di ultradestra Alternativa per la Germania (Afd) con queste parole: "Si tratta di evitare domenica che un partito dell'odio entri nel Bundestag".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Aumenta la paura per i continui attacchi di Boko Haram in tutta la regione del lago CiadMSF ha integrato il supporto psicologico alle attività mediche

Nigeria, 111 le studentesse scomparse dopo l'attacco di Boko Haram

L'episodio ricorda il rapimento delle oltre 270 ragazze avvenuto a Chibok nel 2014

Messico, i giorni dopo il terremoto

Messico, tre italiani scomparsi: inchiesta su poliziotti Tecalitlan

Si tratta di un sessantenne, di suo figlio di 25 anni e di suo nipote di 29 anni: i parenti non hanno loro notizie dal 31 gennaio

Prima del film Suburbicon a Los Angeles

Clooney donano 500mila dollari per la manifestazione contro le armi

L'attore e la moglie aiutano a finanziare il corteo del 24 marzo a Washington, organizzato dopo la sparatoria nel college in Florida in cui sono morte 17 persone

Trump parla alla Nazione dopo la sparatoria in Florida

La Cnn contro Trump: "Golf e Twitter durante funerali in Florida"

Il duro editoriale dell'anchorman Anderson Cooper: "Due famiglie hanno seppellito i loro figli. Nessuna menzione nei suoi tweet"