Martedì 15 Agosto 2017 - 20:45

Germania dalla Corte europea contro aiuti Bce alla zona euro

Il presidente della corte federale ha dichiarato che "esistono ragionevoli motivi' per credere che l'acquisto di titoli di Stato sia stato illegale

Francoforte, la conferenza stampa del presidente BCE Mario Draghi

La Corte Costituzionale federale tedesca ha deciso oggi di chiedere alla Corte di giustizia europea un giudizio sulla legittimità del programma di quantitative easing promosso nel 2015 dalla Bce (Banca centrale europea) per sostenere l'inflazione nell'area dell'Euro. Il presidente della corte federale di Karlsruhe, Andreas Vosskuhle, ha dichiarato che "esistono ragionevoli motivi' per credere che l'acquisto di titoli di Stato, il "Public Procurement Sector Purchasing Program" (PSPP), sia stato illegale, violando il divieto di finanziare direttamente gli Stati, oltre i limiti del mandato della Banca centrale europea.

Il processo di quantitative easing, QE, "alleggerimento quantitativo", è consistito nell' acquisto di titoli di Stato e di altro tipo dalle banche per immettere nuovo denaro nell'economia europea, incentivare i prestiti bancari verso le imprese e far crescere l'inflazione. 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Lavoro, Italia lontana da obiettivi Europe 2020: tra peggiori in Ue

Abbiamo il secondo tasso di occupazione più basso nell'area dietro alla Grecia

ITALY-ECONOMY-TIM-FRANCE-MEDIA-TELECOM

Tim, Vivendi: "Investiti 4 mld". E attacca Elliott: "Vogliono smantellare gruppo"

Continua senza soste il corpo a corpo sul ring di Tim tra il gruppo Vivendi e il fondo Usa Elliott

Christine Lagarde in conferenza all'Universita di Hong Kong

L'Fmi lancia l'allarme: "Incertezza politica in Italia mette a rischio riforme"

Ma accelera la crescita: +1,5% nel 2018. Il dati nel World Economic Outlook

Crisi Alitalia - Aerei Alitalia atterrano e decollano dall'aeroporto di Fiumicino

Alitalia, trattative su Cigs per 1.680 dipendenti, nuovo round il 23/4

E sul fronte vendita Calenda conferma: "L'offerta Lufthansa è la più promettente"