Domenica 21 Gennaio 2018 - 17:45

Germania, da Spd sì a coalizione con Merkel. Schulz: "Abbiamo lottato per maggioranza"

Luce verde ai negoziati formali per formare una Grosse Koalition con i conservatori: 362 favorevoli e 279 contrari

Germania, Spd in congresso straordinario a Bonn

Dopo che Germania ed Europa hanno tenuto il fiato sospeso per settimane, i delegati del partito socialdemocratico Spd di Martin Schulz hanno votato a favore di una possibile Grosse Koalition con i conservatori della cancelliera Angela Merkel.

Il partito dell'ex presidente del Parlamento europeo, però, esce spaccato da questo voto: una nutrita ala si è opposta alla sua proposta per mettere fine al limbo seguito alle elezioni del 24 settembre. La luce verde all'accordo preliminare e al primo passo verso la GroKo è infatti arrivata al congresso straordinario di Bonn con 362 voti favorevoli e 279 contrari. L'ultima parola dovrà però essere detta dai 440mila militanti del partito, che saranno chiamati a esprimersi sull'accordo formale. E la base del partito è, anch'essa, divisa.

Schulz a Bonn ha fatto appello ai delegati perché dessero il loro assenso, chiedendo "responsabilità" e parlando di "una nuova partenza per l'Europa". "Il tempo stringe", "l'Europa ha bisogno dei socialdemocratici", ha aggiunto. Dopo l'approvazione, si è detto "sollevato" e ha ammesso che per questo risultato "è stato necessario lottare".

Tra le voci critiche che più si sono fatte sentire, quelle del leader dei giovani socialdemocratici tedeschi (Jusos), Kevin Kuehnert, che ha invitato a dire no alla coalizione. Ha parlato della Grosse Koalition come di una sorta di 'abitudine' per il governo tedesco, chiedendo di "interrompere questo loop" negativo. Per il 28enne, la Spd ha già fatto troppe concessioni al blocco di Merkel. E Schulz, rispondendo alle critiche in questo senso, ha quindi promesso che negozierà con forza (tra i punti critici ci sono sanità, lavoro, politiche migratorie e finanze pubbliche).

Merkel ha poi fatto sapere di accogliere "con favore" la decisione dell'Spd, sottolineando che "resta lavoro" da fare. La cancelliera aveva detto di voler concludere i negoziati entro il 12 febbraio e ha aggiunto che già lunedì si terranno i primi incontri per organizzare i colloqui. Se avranno successo e Merkel riceverà il sostegno del Bundestag come cancelliera, il suo quarto governo potrebbe prendere il via intorno alla metà di marzo. Circa sei mesi dopo, cioé, le elezioni: i media tedeschi sottolineano che è il periodo più lungo che la Germania abbia vissuto senza un governo funzionante. Se i negoziati falliranno, Merkel potrà invece ricorrere a un (fragile) governo di minoranza oppure a elezioni (molto rischiose soprattutto per la forza dell'estrema destra, dopo che a settembre l'Afd ha avuto il 13%).

Da Bruxelles, il commissario agli Affari economici dell'Unione europea, Pierre Moscovici, ha detto di accogliere "con favore il senso di responsabilità dell'Spd". Il capo di gabinetto tedesco del presidente della commissione Jean-Claude Juncker, Martin Selmayr, ha commentato su Twitter: "Una notizia molto buona per un'Europa più unita, più forte e più democratica". E il presidente dell'Europarlamento, Antonio Tajani, ha parlato di "notizia positiva per la stabilità dell'Europa", descrivendo Berlino come "un attore importante per far avanzare il processo di riforma necessario perché l'Europa sia più efficace". 

Scritto da 
  • Agnese Gazzera
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Messico, i giorni dopo il terremoto

Messico, tre italiani scomparsi: inchiesta su poliziotti Tecalitlan

Si tratta di un sessantenne, di suo figlio di 25 anni e di suo nipote di 29 anni: i parenti non hanno loro notizie dal 31 gennaio

Prima del film Suburbicon a Los Angeles

Clooney donano 500mila dollari per la manifestazione contro le armi

L'attore e la moglie aiutano a finanziare il corteo del 24 marzo a Washington, organizzato dopo la sparatoria nel college in Florida in cui sono morte 17 persone

Trump parla alla Nazione dopo la sparatoria in Florida

La Cnn contro Trump: "Golf e Twitter durante funerali in Florida"

Il duro editoriale dell'anchorman Anderson Cooper: "Due famiglie hanno seppellito i loro figli. Nessuna menzione nei suoi tweet"

Corea oltre le Olimpiadi, viaggio al confine tra Nord e Sud: "Ripartiamo dalla bandiera unita"

Nella zona demilitarizzata si respira ibisco e tensione, tra chi vorrebbe l'unità e chi ne ha paura