Martedì 17 Gennaio 2017 - 11:45

Germania, la Corte respinge illegalità del partito neonazista Npd

"Non vi è alcuna prova che possa portare avanti i suoi scopi incostituzionali"

Germania, Corte respinge l'illegalità del partito neonazista Npd

La Corte costituzionale tedesca ha respinto la domanda presentata dal Bundesrat di rendere illegale il partito Nazionale democratico Npd, principale forza neonazista in Germania. I giudici della Corte, con sede a Karlsruhe, nell'ovest, hanno così risposto alla richiesta inviata nel 2012 dalla camera di rappresentanza federale, dopo aver fallito nel 2003, un primo tentativo di vietare il partito nel Paes per vizi di forma.

Secondo la Corte, l'ideologia politica del partito "disprezza la dignità umana ed è incompatibile con i principi della democrazia", ma non vi è alcuna prova che possa portare avanti i suoi scopi incostituzionali. Il suo obiettivo, ha aggiunto, è eliminare l'ordine democratico stabilito e sostituirlo con uno stato autoritario orientato verso una società "etnicamente definita" ma la domanda di incostituzionalità non ha argomenti necessaria perchè il partito sia reso fuori legge.
Nella sentenza, nonostante venga riconosciuto che alcuni dei membri dell'Npd possano avere comportamenti criminali, si considera che il partito non possa incidere nella vita parlamentare tedesca né formare coalizioni per perseguire i propri obiettivi.

La sentenza era attesa con grande attenzione nel Paese, dove nessun partito è stato reso fuorileggge da sessant'anni quando nella Repubblica federale venne vietato il partito Comunista tedesco (Kpd).
La richiesta dei Lander, gli Stati federati, puntava sul fatto che l'Npd venga considerato "l'ereditiero ideologico" del nazionalismo di Adolf Hitler, un partito xenofobo, antisemita e fautore di azioni violente e aggressioni nei confronti sia di stranieri sia di politici, principalmente in ambito comunale, che difendono l'accoglienza dei migranti.

La Corte è l'unica istituzione legittimata in Germania per rendere fuorilegge un partito e nel 2003 aveva respinto la prima richiesta, sostenuta dalle due camere del Parlamento e dal governo, per stabilire che si è basata su dati infiltrati o confidenziali.

Il Bundesrat ha deciso di dare vita a un nuovo processo autonomamente, dopo lo choc causato dal piccolo gruppo Clandestinità Nazionalsocialista (Nsu), una cellula integrata da tre neonazisti che negli anni ha ucciso impunemente nove migranti e un'agente di polizia e i cui membri avevano contatti con l'Npd.

Il partito, fondato nel 1968, è al momento una formazione debilitata che ha perso in dieci anni un terzo dei suoi militanti (ha appena 5mila membri), così come i seggi nelle camere regionali, nonostante abbia un eurodeputato.
Nelle elezioni generali del 2013 ha ottenuto l'1,3% dei voti e non ha mai avuto un solido orizzonte parlamentare solido come quello che si presenta ora per la nuova destra radicale di Alternativa per la Germania (Afd): secondo i sondaggi la formazione populista dovrebbe ottenere il 15% nelle elezioni del Bundestag (la Camera bassa) del prossimo settembre.
La sua principale base finanziaria sono i fondi pubblici che percepisce dallo Stato: circa 1,4 milioni di euro annuali, dovuti maggiormente ai 340 consiglieri in tutto il Paese.

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Barcellona, caccia al 17enne Moussa Oukabir: il presunto autore della strage

Barcellona, caccia al 17enne Moussa Oukabir: il presunto autore della strage

Sarebbe armato e viene considerato pericoloso. Suo fratello è stato arrestato ieri

Trump 'soffia' sul Ku Klux Klan: la copertina del New Yorker

Trump 'soffia' sul Ku Klux Klan: la copertina del New Yorker

Il presidente Usa è accusato di non aver sufficientemente condannato i suprematisti bianchi

Barcellona, tra le vittime Bruno Gullotta di Legnano: aveva 35 anni

Barcellona, tra le vittime Bruno Gullotta di Legnano: aveva 35 anni

Era in vacanza con la famiglia ed era responsabile del marketing e delle vendite di Tom's Hardware Italia

Barcellona, due italiani tra i 13 morti sulle Ramblas. Nella notte nuovo attacco a Cambrils: 7 feriti, 5 killer uccisi

Barcellona, due italiani tra i 14 morti sulle Ramblas. Nella notte nuovo attacco a Cambrils: uccisi 5 terroristi

La prima vittima italiana si chiama Bruno Gullotta. L'Isis ha rivendicato. I due attentati sono collegati. Tre arresti ma l'autista del furgone è ancora in fuga. Tra i 100 feriti (tre italiani) 15 sono gravi