Martedì 25 Ottobre 2016 - 12:45

Germania, blitz antiterrorismo: arrestati sospetti islamisti ceceni

Fermati almeno 10 uomini e 3 donne, tutti cittadini russi tra i 20 e i 30 anni

Raid della polizia tedesca contro un gruppo di jihadisti

Almeno dieci uomini e tre donne, tutti cittadini russi di età compresa fra 20 e 30 anni, sono stati arrestati nel corso di una serie di operazioni antiterrorismo in Germania, scaturite dall'arresto lo scorso anno di un 28enne russo di origine cecena. Secondo quanto riporta l'emittente regionale Mdr, gli arrestati sarebbero coinvolti nel finanziamento di gruppi jihadisti e sospettati di voler unirsi allo Stato islamico. Nel corso delle operazioni, è stata perquisita una dozzina di appartamenti e condomini in vari Land, tra Turingia, Amburgo, Renania Settentrionale-Vestfalia, Sassonia e Baviera.

Non sembra che ci sia alcuna minaccia per la sicurezza pubblica. "Dalle indagini sinora non emerge alcun pericolo concreto di un attacco", ha precisato la polizia della Turingia. Le unità speciali della polizia hanno sequestrato varie proprietà appartenenti ai sospettati in diverse località e le consegneranno agli investigatori.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Primi 100 giorni di Trump: 15mila protestano a Washington per clima

Primi 100 giorni di Trump: 15mila protestano a Washington per clima

La marcia è partita dal prato del Campidoglio, sede del Congresso Usa, ed è diretta verso la Casa Bianca

Brexit, Juncker: Difficile mantenere unità Ue, ma faremo di tutto

Brexit, Juncker: Difficile mantenere unità Ue, ma faremo di tutto

Oggi sono state approvate all'unanimità le linee guida Ue da seguire nel corso dei negoziati

Gentiloni alla riunione  a Bruxelles

Brexit, Ue approva all'unanimità linee guida per negoziato

Il presidente Tusk: Un mandato politico forte ed equo dei 27 è pronto per i colloqui

Wikipedia 15th anniversary

Turchia, Ankara blocca accesso a Wikipedia

Lo segnala un gruppo di monitoraggio delle attività online, Turkey Blocks. Ankara aveva già bloccato gli accessi a Twitter e Facebook