Mercoledì 21 Settembre 2016 - 19:30

Germania, 16enne fermato pianificava attacco Isis imminente

Sul cellulare registrate comunicazioni con interlocutori all'estero

Germania, 16enne fermato pianificava attacco Isis imminente

Si sospetta che il 16enne rifugiato siriano arrestato a Colonia per presunti legami con lo Stato islamico stesse pianificando un attacco imminente per conto dell'Isis. Lo riferiscono fonti della procura di Colonia. Un portavoce della polizia di Colonia e rappresentanti della procura della città tedesca, parlando in una conferenza stampa congiunta, hanno riferito che sul cellulare del 16enne erano rimaste registrate "molte comunicazioni e chat" con interlocutori all'estero, fra cui uno che intendeva reclutare il giovane perché si unisse alle file jihadiste.

Il ragazzino aveva inoltre caricato sul telefono immagini allusive all'Isis e aveva ricevuto istruzioni concrete da questi interlocutori su come maneggiare e preparare esplosivi, il che secondo la polizia rafforza i sospetti che stesse preparando "qualche azione imminente". Nelle chat il ragazzino aveva espresso "in forma inequivoca" la sua disponibilità a compiere un attentato, ha riferito un portavoce della polizia. Non è chiaro se il 16enne avesse fissato un obiettivo concreto dell'attacco e non ci sono indizi che avesse già acquistato il materiale esplosivo. Si sospetta che il minorenne si fosse radicalizzato in poco tempo, dal momento che negli ultimi tre mesi il suo comportamento era cambiato notevolmente, il che aveva allertato sia il personale del centro di accoglienza, sia altri residenti.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Charlie Gard, i genitori: "E' troppo tardi, il trattamento e' inutile

Charlie, l'ultima battaglia dei genitori: Lasciatelo morire a casa

Hanno rinunciato alla possibilità di salvare il figlio dalla malattia incurabile di cui soffre, ma ora genitori di Charlie vogliono portare a casa il bambino

Charlie, Bambin Gesù: Fatto il possibile, ma siamo arrivati tardi

Charlie, Bambin Gesù: Fatto il possibile, ma siamo arrivati tardi

Intanto i genitori continuano a lottare per portare il bimbo a casa e lasciarlo morire nella sua culla

Libia, il generale Haftar caccia i terroristi da Bengasi

Libia, bozza accordo Serraj-Haftar: Cessate il fuoco ed elezioni

L'impegno del premier libico Fayez Serraj e il generale Khalifa Haftar a Parigi durante un incontro promosso dal presidente Macron

Donald Trump al  Summit Bechtel National Scout Reserve in West Virginia

Trump pronto al voto contro Obamacare: Tortura americani

Il tycoon battagliero in un tweet: Ho già la penna in mano