Lunedì 26 Dicembre 2016 - 17:15

Ricordando George Michael, gli Wham! i primi a suonare nella Cina comunista

Due i concerti, che si tennero ad aprile del 1985, nel 'Workers Gymnasium' di Pechino e a Canton

George Michael, gli Wham! i primi a suonare nella Cina comunista

È una storia un po' dimenticata ma gli Wham!, il duo composto da George Michael e Andrew Ridgeley, fu il primo gruppo pop-rock occidentale a suonare nella Cina comunista. Due i concerti, che si tennero ad aprile del 1985, nel 'Workers Gymnasium' di Pechino e a Canton, in un momento in cui il Paese era ancora molto chiuso all'esterno e gli Wham! erano all'apice del successo.

Prima di quel tour gli Wham! erano conosciuti da pochi in Cina: alcuni avevano sentito le loro hit tramite la radio di Hong Kong, o in cassette di amici stranieri che studiavano nelle università di Pechino, ma l'agente del duo, Simon Napier-Bell, si lanciò personalmente nella sfida di portarli nel gigante asiatico. Napier-Bell voleva che gli Wham! riuscissero ad aggiudicarsi il titolo di primo gruppo occidentale ad arrivare in Cina, cosa che poi fu, e per questo dovette riunirsi con decine di leader cinesi, per convincerli che quei concerti avrebbero fornito una buona immagine al regime comunista, che allora cominciava timidamente ad aprirsi. L'impresa non fu facile: Napier-Bel impiegò quasi due anni a ottenere il via libera di Pechino, durante i quali dovette riunirsi con 143 membri del governo cinese, in banchetti di lavoro spesso interminabili. L'imprenditore raccontò questa esperienza in un libro pubblicato nel 2005 in occasione del 20esimo anniversario dei due concerti, libro che intitolò 'Ti voglio invitare a mangiare', in ricordo di quei mesi di pranzi di lavoro con i leader cinesi.

In particolare, il racconto di Simon Napier-Bell evidenzia che si trattò di una corsa contro il tempo per evitare che i Queen, altra celebre band inglese interessata allora a suonare in Cina, arrivassero prima degli Wham!. Per riuscire nell'intento, nelle riunioni con i leader comunisti, avendo un po' timore a portare quegli artisti dai capelli lunghi e dai balli scatenati in una Cina ancora molto tradizionale, l'agente del gruppo mostrava foto in cui i membri del duo avevano un aspetto da bravi ragazzi, proponendone di fianco altre dell'irriverente Freddy Mercury.

I Queen e altri gruppi allora interessati a provare l'esotismo di un tour in Cina, come i Rolling Stones, alla fine abbandonarono il piano: Mick Jagger debuttò nel Paese asiatico molto più tardi, nel 2006, e il gruppo di Freddy Mercury lo ha fatto solo di recente, a settembre del 2016, quando il suo leader e fondatore era morto da un quarto di secolo. Gli Wham!, invece, sbarcarono in Cina appunto nella primavera del 1985.

Il loro primo concerto a Pechino, organizzato al 'Workers Gymnasium', attirò 15mila spettatori e si tenne in un'atmosfera resa particolare dalla fortissima presenza di polizia. Al primo piano del palazzetto dello sport il pubblico, fra cui c'erano molti funzionari del governo a cui erano stati regalati i biglietti di ingresso, stava seduto, e restò quasi immobile per paura della polizia. Al contrario sul palco, più libero dalla vigilanza, gli spettatori, tra cui anche fan stranieri, facevano balli sfrenati, applaudivano e cantavano sulle note di grandi successi come 'Careless whisper' e 'Wake me up before you go-go'.

L'ingresso al concerto degli Wham! a Pechino costava 5 yuan, pari a circa 70 centesimi di dollaro, un prezzo che oggi sarebbe irrisorio ma allora era molto alto per la tasca media dei cinesi. Ai presenti fu regalata una cassetta: da una parte c'erano i successi del gruppo; e dall'altra le versioni di quegli stessi brani cantate da un cantante locale, in cui alle parole era stata aggiunta un po' di retorica comunista.

Della visita di George Michael e Andrew Ridgeley in Cina restano inoltre delle curiose fotografie del duo alla Grande muraglia. In quegli scatti, i capelli cotonati e gli abiti anni '80 contrastano con tutti gli altri visitatori, cinesi vestiti perlopiù con le cosiddette 'giacche di Mao', che guardavano il gruppo occidentale con un misto di sorpresa e curiosità. Riuscendo a suonare in una Cina che non si era ancora ripresa dalla Rivoluzione culturale, gli Wham! furono per un po' la band più internazionale del pianeta, ma al duo rimanevano solo alcuni mesi di gloria, dal momento che si sciolse poi nel 1986.

Oggi la notizia della morte di George Michael è rimbalzata anche sui social network in Cina. Sul sito di microblogging Weibo, paragonabile a Twitter, il corrispettivo dell'hashtag di George Michael in poche ore ha attratto 8,5 milioni di visite e circa 3mila commenti, in molti dei quali si ricordava il concerto del 7 aprile del 1985 a Pechino.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Usa, 40° anniversario dalla morte di Elvis Presley a Memphis

Quarant'anni senza Elvis, omaggio dei fan davanti alla casa di Memphis

Una veglia in Tennessee in memoria del cantante che ha cambiato la storia della musica

Taylor Swift, her mother Andrea and attorney Jesse Schaudies react to the verdict being read in Denver Federal Court where the Taylor Swift groping trial goes on in Denver

Taylor Swift vince in tribunale contro dj che le palpò fondoschiena

Risarcimento simbolico di un dollaro per la cantante statunitense: "Deve servire da esempio per le altre donne che potrebbero essere riluttanti a denunciare"

Festival Federico Cesi, il suono dei borghi umbri diventa un concerto

L'Umbria raccontata dalla musica classica per un mese intero

Taylor Swift e le molestie sessuali: prima vittoria in aula contro il dj David Mueller

Taylor Swift e le molestie sessuali: prima vittoria contro il dj

I giudici hanno respinto la denuncia del disc jockey, che aveva accusato la cantante di averlo fatto licenziare senza giusta causa