Lunedì 08 Gennaio 2018 - 08:00

Gentiloni: "Spero che gli elettori non giochino a Rischiatutto"

Il presidente del Consiglio da Fabio Fazio: "Il centrosinistra se la può giocare, l'Italia non punti su forze che non sono in grado di assicurare la governabilità"

Paolo Gentiloni ospite della trasmissione televisiva Che tempo Che Fa

"Non sono attrezzato, l'impegno che ho preso finisce con le elezioni. È giusto dare all'appuntamento con le urne la giusta importanza: il risultato determinerà chi governerà questo Paese". Non ha esitazioni il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, ospite di Fabio Fazio nella prima puntata del 2018 di 'Che tempo che fa'. Il suo compito terminerà quando si tornerà alle urne. Escluso, dunque, che possa gestire una lunga fase di transizione.

"Per rispetto agli elettori - ha aggiunto - dobbiamo dire che il 4 marzo c'è una sfida molto importante nella quale si confrontano tre blocchi. Sarà molto importante quello che gli elettori decideranno. Credo che il centrosinistra possa essere una coalizione di governo, spero che si chiudano accordi con la Bonino, con la Lorenzin, e credo che il Pd possa essere il primo partito. Chi farà poi il presidente del Consiglio, lo deciderà il presidente della Repubblica - ha chiarito - Il Pd ha una squadra di governo forte, nessun altro è minimamente comparabile" ai dem. E ancora. "Bisogna dire agli elettori che hanno una scelta nelle loro mani", ha spiegato, rispondendo a una domanda sulla possibilità di formare un governo con Berlusconi. "Se diciamo che sceglierà qualcuno per loro - ha proseguito - non è un buon servizio. Mi auguro che l'Italia non se la giochi al Rischiatutto. Penso che il centrosinistra abbia dimostrato, nonostante le difficoltà, di avere le capacità per governare. Ci sono tre opzioni sul tavolo, ognuno può scegliere, ciascuna di queste forse può avere i numeri per governare mi auguro l'Italia non punti su forze che non sono in grado di assicurare la governabilità".

Loading the player...

Tra le tante cose fatte, Gentiloni si è detto "relativamente orgoglioso di aver contribuito a un rasserenamento del clima politico. A Roma mi chiamano 'er moviola' - ha scherzato - : sono orgoglioso del fatto che la campagna elettorale che sta iniziando è seria", in cui "il centrosinistra se la può giocare".

Non è mancato un passaggio dedicato alla Rai e alla polemica innescata dal Pd, che ha proposto di abolire il canone. "Se riusciamo a far pagare di meno i cittadini per il servizio pubblico può essere anche una cosa positiva - ha detto il premier - . Mi pare sia stata questa la proposta fatta alla fine dal segretario del Pd. Io ad esempio concentrerei il pagare di meno su alcune famiglie e fasce più disagiate: ci sono 150-200mila i nuclei esentati, si potrebbe allargare. Sarebbe utile e molto importante". Sullo ius soli, invece, "non siamo riusciti a fare la legge per una banalità: non avevamo numeri in Senato", ha spiegato con rammarico. Mentre sull'immigrazione "abbiamo dimostrato che si può passare da un modello criminale ad uno legale. Perché deve essere chiaro che noi l'immigrazione non la chiuderemo nei prossimi anni", ha rivendicato.

Tra i risultati raggiunti dal suo esecutivo, sono da annoverare anche i segnali di ripresa economica registrati nell'ultimo periodo, ma c'è ancora molto da fare. "Stiamo facendo un lavoro sui giovani e soprattutto su quelli del Mezzogiorno - ha assicurato Gentiloni - Ora investire nel Mezzogiorno d'Italia è conveniente, non lo è mai stato così tanto. Abbiamo bisogno di investimenti produttivi nel Mezzogiorno", ha detto il capo di Palazzo Chigi, parlando del problema della disoccupazione.

Guardando oltreoceano, il premier fa notare che, a differenza del presidente Usa Donald Trump e del dittatore nord coreano Kim Jong-un, a Palazzo Chigi non ha il pulsante della bomba atomica, "il che - scherza - è rassicurante - ha detto scherzando sulla battuta del pulsante - Ma non confondo il presidente Usa con il dittatore nord noreano".

Il presidente del Consiglio, infine, ha raccontato che non potrà mai dimenticare la telefonata che annunciava la morte di Giulio Regeni e ribadisce l'impegno per raggiungere la verità: "Noi continueremo a cercare la verità nei confronti del governo egiziano e nei confronti di alcuni governi europei che non sono stati del tutto trasparenti, ma la ferita per quanto avvenuto - conclude - non si cancella".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Elezioni regionali Molise, chiusura campagna elettorale Movimento 5 stelle

Di Maio presenta contratto: "Non sarà esecutivo di coalizione"

Pubblicato sul Blog delle Stelle. Il professor Giacinto Della Cananea ha redatto il primo schema di accordo "che andrà approfondito insieme alla forza politica che accetterà di sedersi al tavolo con noi"

Elezioni regionali Molise, Donato Toma al voto

Elezioni in Molise. Vince il Centrodestra. M5S: sogno infranto

Affluenza al 52,17% (in calo rispetto al 61,63 del 2013). I grillini perdono rispetto alle politiche. Crolla il Pd

Elezioni Regionali Molise - gli scrutini

Elezioni in Molise. Vince il Centrodestra. M5S: sogno infranto

Lo scrutinio procede a rilento. Affluenza al 52,17% (in calo rispetto al 61,63 del 2013). I grillini perdono rispetto alle politiche. Crolla il Pd

Roma, ingressi a Montecitorio

Molise: i risultati delle politiche del 4 marzo

Il M5S superò il 44%. Riuscirà a confermare o a superare questo dato? Nel centrodestra è lotta tra FI e Lega