Venerdì 31 Marzo 2017 - 09:30

Gentiloni: Non c'è prospettiva di crescita senza libertà economica

"I segnali di ripresa sono incoraggianti ma non ancora sufficienti"

Gentiloni: Senza libertà economica non c'è prospettiva crescita

"Dobbiamo ribadire la centralità della libertà economica. Senza libertà economica non c'è prospettiva di crescita e di sviluppo". Lo ha detto il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni intervenendo al 'B7 Business Summit', in corso a Confindustria. Il premier è stato accolto dal leader degli industriali Vincenzo Boccia. All'incontro partecipano, tra gli altri, anche i ministri Carlo Calenda e Gianluca Galletti.

"L'obiettivo è tenere i conti a posto e contemporaneamente accompagnare e accudire la crescita che è in qualche modo in atto, e che non ci siano effetti depressivi dalle decisioni che vengono prese".  Gentiloni ha aggiunto: "Vediamo dei segnali incoraggianti ma non ancora sufficienti". E ha ricordato "la bassa crescita, i tassi di disoccupazione più  alti di quelli che siamo disposti a tollerare", "le disuguaglianze" e "una crisi di fiducia che attraversa la nostra società".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Regeni, 4 settembre informativa governo su rapporti Italia-Egitto

Regeni, il 4 settembre governo informerà su rapporti Italia-Egitto

Sinistra Italiana attacca: "E' urgente, rinvio è inaccettabile"

Salvini al Palasport di Ponte di Legno per il tradizionale comizio di Ferragosto

Lega, Salvini a Ponte Legno e Bossi a Pontida 'separati in casa'

Salvini e Bossi: una distanza non solo logistica ma soprattutto politica: Salvini alle prossime elezioni nazionali potrebbe presentare una nuova Lega a vocazione nazionale

Viminale. Riunione del Comitato per l'Ordine e la sicurezza

Minniti: "Gestire flussi migratori. Vedo luce in fondo a tunnel"

Il resconto del ministro degli Interni a Ferragosto. E sulle Ong: "Rispettiamo chi non ha firmato il codice"

Assemblea nazionale di Confesercenti

Boldrini: Non lascio social, sarebbe una sconfitta

La presidente della Camera torna a commentare la decisione di procedere per vie legali nei confronti di chi la insulterà sui social network