Venerdì 07 Aprile 2017 - 11:45

Gentiloni: L'azione americana in Siria è una risposta a crimini di guerra

"Sono convinto che l'azione di questa notte debba non ostacolare ma accelerare le chance di una soluzione negoziale duratura"

Gentiloni: L'azione americana in Siria è una risposta a crimini di guerra

Il presidente del Consiglio Gentiloni ha commentato il lancio dei missili Usa verso la Siria:  "L'azione di questa notte come noto si è sviluppata nella base aerea da cui erano partiti gli attacchi con uso di armi chimiche nei giorni scorsi. L'azione è una risposta motivata a un crimine di guerra. "L'uso di armi chimiche non può essere circondato dall'indifferenza. Chi ne fa uso non può contare sull'uso di attenuanti e mistificazioni". Specificando come si muoverà l'Europa: "In queste ore ho avuto colloqui con Hollande e Merkel" spiegando che nel corso degli scambi è stata espresso un "impegno comune perché l'Europa contribuisca nella direzione della ripresa del negoziato".  "Sono convinto che l'azione di questa notte debba non ostacolare ma accelerare le chance di una soluzione negoziale duratura" ha precisato Gentiloni.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Camera dei Deputati - Camera ardente di Stefano Rodotà

Rodotà, Gentiloni alla camera ardente: Merita ricordo del Paese

Le parole di Boldrini: "E' stato un vero privilegio lavorare con lui"

Rai, Fico attacca Fazio: E' vergognoso, con aumento di stipendio non scappa più

Rai, Fico: Fazio vergognoso, con aumento stipendio non scappa più

Il presidente della Vigilanza Rai si scaglia contro il conduttore: "Fa il comunista, ma se gli toccano il portafogli..."

Elezioni amministrative a Parma, i candidati al voto

Ballottaggi, le sfide nei 22 comuni: occhi puntati su Genova e Verona

Sfida tutta tra centrosinistra e centrodestra, M5S in corsa solo ad Asti

E' morto Stefano Rodotà, il giurista ed ex parlamentare aveva 84 anni

Morto Rodotà, la camera ardente a Montecitorio

Il giurista aveva 84 anni. Fu il primo Garante della privacy