Sabato 14 Gennaio 2017 - 10:00

Gentiloni dimesso dal Gemelli: il premier presiede Cdm

Martedì notte, dopo aver accusato un lieve malore, era stato sottoposto ad un intervento di angioplastica

Gentiloni dimesso dal Gemelli: presiederà Cdm alle 12

Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, dopo dopo le 9 di questa mattina, è stato dimesso dall'ospedale romano Gemelli dove martedì notte è stato sottoposto a un intervento di angioplastica. Il premier, che aveva accusato un lieve malore al rientro dal suo viaggio a Parigi, presiederà i Consiglio dei ministri convocato per mezzogiorno.

Intanto Gentiloni ha ricevuto Matteo Renzi. L'incontro, che si è tenuto ieri nel pomeriggio, è andato avanti per circa un'ora. Una visita "di affetto e amicizia" che serve ai due leader anche per fare il punto della situazione politica. Al centro dei faccia a faccia la 'nuova segreteria', che sta prendendo forma e dovrebbe essere ufficializzata la prossima settimana.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Montecitorio, fiaccolata in memoria di Giulio Regeni a due anni dalla sua morte

Regeni, Salvini vola da Al-Sisi: "Giustizia rapida per Giulio"

Il ministro dell'Interno in Egitto: "Il presidente ha assicurato che sarà fatta chiarezza"

Migranti, altri morti e scontro Open Arms-Salvini. Mattarella invoca 'accoglienza'

Una imbarcazione è affondata al largo del nord di Cipro e il bilancio è di almeno 19 morti. Un'altra nave con migranti a bordo bloccata di fronte alla Tunisia

Commissione Vigilanza Rai. Eletto il Presidente Alberto Barachini

Rai, Alberto Barachini: chi è il nuovo presidente della vigilanza

Giornalista, dal 1999 è cresciuto nella squadra Mediaset. Alle ultime elezioni politiche, Silvio Berlusconi lo ha voluto nella squadra dei candidati azzurri

Giustizia, il ministro Bonafede al Csm

Legittima difesa, Bonafede: "No alla liberalizzazione delle armi". M5S frena

Salvini precisa: "No pistole vendute in tabaccheria. Niente modello americano". Il premier Conte: "No alla giustizia privata"