Mercoledì 20 Settembre 2017 - 22:00

Gentiloni all'Onu: "No ai muri, non possiamo cavarcela da soli"

Il premier al palazzo di vetro: "Non costruiamo barriere"

Gentiloni all'ONU

"Le sfide internazionali non si risolvono con i muri. L'illusione di rispondere alle tensioni che abbiamo davanti difendendo ciascuno il proprio interesse nazionale, contrapponendo Paesi a Paesi è un'illusione. Non si risponde a queste sfide con i muri, si risponde con un lavoro comune". In occasione del suo discorso all'assemblea generale dell'Onu a New York il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni lancia un monito agli alleati.

"Prevenzione - sottolinea - significa tutto, tranne costruire barriere. Significa soprattutto realizzare uno sviluppo inclusivo e sostenibile. Non possiamo cavarcela da soli di fronte alle minacce derivanti da regimi autocratici, crisi ambientali, terrorismo. La risposta può essere soltanto comune". Tra i punti sul tavolo alle Nazioni Unite c'è anche il nodo Tripoli. Gentiloni ribadisce che l'obiettivo è "proporre, chiedere, sollecitare alle Nazioni unite di tornare in forze in Libia" la cui stabilizzazione rappresenta una priorità. Il premier non ha paura di ribadire un secco 'no' a "qualunque ipotesi di soluzione militare" e propone la via del "dialogo inclusivo". Anche perchè, aggiunge in un dibattito di alto livello sul peacekeeping, "i problemi dell'Africa sono i nostri problemi". Naturalmente la riflessione sulla Libia non può prescindere da quella sul fenomeno migratorio. Secondo Gentiloni, per affrontare la questione migranti, "non basta la generosità dei singoli, ma serve una risposta globale".

"Dobbiamo rispondere - spiega - con compassione, intelligenza e visione". La dimensione comunitaria prevale nel discorso del premier che insiste sulla sua necessità per affrontare le sfide globali. Anche per questo ribadisce il pieno sostegno all'azione dell'Onu in Siria, sottolineando la necessità di accertare "le responsabilità di chi compie crimini atroci". Gentiloni affronta poi con coraggio il tema del rinnovamento delle Nazioni Unite. Si dice d'accordo con "i piani di riforma" del Segretario Generale, "incluso il suo impegno per il raggiungimento della parità di genere anche come strumento per rafforzare l'efficienza dell'organizzazione". Non solo, l'ex titolare della Farnesina auspica "anche la riforma che consenta di rendere il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite maggiormente democratico, efficace e rappresentativo dell'intera membership dell'Onu, e che faccia sì che questa membership sia ampliata".

In mattinata, invece, ecco la riflessione su Donald Trump: "Con lui prevalgono di più i punti di contatto" rispetto ai punti di divergenza. "Io penso che Trump abbia portato qui alle Nazioni Unite la sua visione, una visione con cui ha vinto le elezioni negli Stati Uniti, e una visione che dobbiamo rispettare, perché viene da un nostro alleato", spiega. Infine uno sguardo all'Italia, sottoforma di rassicurazioni sulla nota di aggiornamento a due giorni dall'approvazione in Cdm. La nota includerà previsioni economiche sul Pil "molto più alte rispetto a quelle del Def" e questo "darà possibilità di margini di deficit diverse e migliori" rispetto a quanto previsto nei mesi scorsi". Gentiloni rincara la dose, sorridendo e spiegando che sulle previsioni anche "l'Ocse stessa le corregge, ed è una correzione enorme: per lo stesso istituto, rispetto a giugno, la crescita italiana aumenta del 40%". 

Scritto da 
  • Alessandro Banfo ed Elisabetta Graziani
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Viminale, su 103 simboli depositati, ammessi solo 75. Fuori Dc e Forconi

In 19 casi il ministero ha chiesto la sostituzione del contrassegno

Presentazione del programma di governo del M5s al Villaggio Rousseau di Pescara

Di Maio: "Beppe resta garante, ma M5S cammina con proprie gambe"

Il candidato pentastellato da Bruno Vespa precisa: "Ha iniziato Beppe, il Movimento così è nato ma ora è sempre più grande e io ora sono il capo politico"

Padoan: "Flat Tax? Quando si abbassa tassa serve copertura"

Il ministro delle finanze commenta la proposta di Berlusconi. E avverte: "Ecofin preoccupato per esito elezioni in Italia"