Domenica 12 Marzo 2017 - 21:00

Gentiloni: Guido il governo, non mi occupo di alleanze future

Il presidente del Consiglio ha incontrato Schulz a Berlino, in occasione del faccia a faccia dei leader dell'Alleanza progressista

Gentiloni: A me tocca guidare il governo, non mi occupo di alleanze future

"Se ci saranno alleanze di sinistra in Italia? Vedremo, molti dicono che ci saranno in Italia alleanze alla tedesca, altri auspicano alleanze di sinistra. A me tocca il compito di guidare il governo e non mi occupo di alleanze future". Queste le parole del premier, Paolo Gentiloni, intervistato da Rainews24, dopo l'incontro con Martin Schulz, candidato cancelliere tedesco e leader Spd, a Berlino, in occasione del faccia a faccia dei leader dell'Alleanza progressista.

Rispondendo a una domanda su un eventuale appoggio alla candidatura dello stesso Schulz, Gentiloni ha dichiarato: "Naturalmente, non ci intromettiamo nelle vicende interne, ma siamo partiti fratelli e facciamo parte dello stesso partito in Ue". "Abbiamo ottime relazioni con l'attuale governo tedesco, ma abbiamo sempre apprezzato il ruolo di Martin Schulz", ha specificato il presidente del Consiglio.

Dopo il bilaterale con l'ex presidente del Parlamento europeo, il premier è stato a cena al ristorante Paris Moskau di Berlino, in Germania, con il candidato cancelliere, il premier ceco Sobotka, il leader norvegese Store, l'alto rappresentante per la Politica estera dell'Ue Federica Mogherini, il premier portoghese Antonio Costa, il premier svedese Lofven ed esponenti del Pse.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Piazza Montecitorio - Manifestazione del M5S contro il Rosatellum

M5S, Morra: "Alleanze? Chi vuole combattere per nostro programma ben venga"

Il senatore commenta le parole di Beppe Grillo e ribadisce la linea di Di Maio, senza escludere dunque apporti esterni dopo il voto

Liliana Segre, reduce di Auschwitz

Chi è Liliana Segre, sopravvissuta all'Olocausto e nuova senatrice a vita

Vittima delle leggi razziali del fascismo, il 30 gennaio 1944 venne deportata con il padre in Germania e poi al campo di concentramento di Birkenau-Auschwitz

Porta a porta, ospiti Danilo Toninelli e Matteo Orfini

Pd, Orfini: "LeU? Evitiamo scenari confusi alla D'Alema. No larghe intese"

Per il presidente del Partito democratico Renzi è la prima scelta per palazzo Chigi, senza escluderne però altri. E l'obiettivo da raggiungere alle urne è il 25%

Milano, convegno "Fare pace è un'impresa"

Olocausto, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Sopravvissuta ai campi di concentramento, ha ricevuto la carica per il suo impegno nel campo sociale