Venerdì 03 Febbraio 2017 - 10:15

Migranti, Gentiloni a Malta: Italia ha aperto strada, ora tocca a Ue

Ieri la firma dell'accordo con la Libia su contrasto all'immigrazione illegale e sicurezza delle frontiere

Gentiloni a Malta per vertice sui migranti: Italia ha aperto la strada, ora tocca a Ue

Il premier Paolo Gentiloni è arrivato a Malta per il vertice informale europeo sull'immigrazione. "Ieri si è aperta una pagina nuova nella vicenda dei flussi migratori. Il fatto che tra l'Italia e le autorità libiche ci sia un accordo, apre un nuovo capitolo. Possiamo dire all'Europa che noi la nostra parte l'abbiamo fatta. Mi auguro che da parte dell'Ue ci sia sostegno e impegno", ha detto poco dopo essere arrivato a La Valletta.

"L'Italia ha aperto la strada, le risorse non mancheranno. Come sempre - ha aggiunto - l'Ue può mettere in campo molte risorse economiche. Molto spesso il problema sono i tempi e le lentezze, ma qui la finestra politica l'abbiamo aperta noi". 

Il riferimento è all'importante accordo siglato ieri tra Italia e Libia proprio sul tema dei flussi migratori. Tra i punti chiave dell'intesa ci sono sviluppo, contrasto all'immigrazione illegale, traffico di esseri umani, contrabbando e rafforzamento della sicurezza delle frontiere. 

I due governi, in particolare, si propongono di "avviare iniziative di cooperazione in conformità con i programmi e le attività adottati dal Consiglio Presidenziale e dal Governo di Accordo Nazionale dello Stato della Libia, con riferimento al sostegno alle istituzioni di sicurezza e militari al fine di arginare i flussi di migranti illegali e affrontare le conseguenze da essi derivanti, in sintonia con quanto previsto dal Trattato di amicizia, partenariato e cooperazione sottoscritto tra i due paesi, e dagli accordi e memorandum d'intesa sottoscritti dalle Parti".

La parte italiana fornisce sostegno e finanziamento a programmi di crescita nelle regioni colpite dal fenomeno dell'immigrazione illegale, in settori diversi, quali le energie rinnovabili, le infrastrutture, la sanità, i trasporti, lo sviluppo delle risorse umane, l'insegnamento, la formazione del personale e la ricerca scientifica, e si impegna a fornire supporto tecnico e tecnologico agli organismi libici incaricati della lotta contro l'immigrazione clandestina, e che sono rappresentati dalla guardia di frontiera e dalla guardia costiera del Ministero della Difesa, e dagli organi e dipartimenti competenti presso il Ministero dell'Interno.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Silvio Berlusconi ospite a "Quinta Colonna"

Berlusconi e la gara di pipì con Confalonieri: "Sulle scarpe? Hai vinto tu"

L'ex Cav racconta un aneddoto capitato durante una festa coi vecchi compagni di scuola

Paolo Gentiloni all'inaugurazione dell'anno accademico della Luiss

Gentiloni: "Non è tempo delle cicale. Nessun rischio instabilità"

Il premier all'inaugurazione dell'anno accademico della Luiss di Roma: "L'Italia è il Paese più coerente in Ue nonostante cambi governo"

Matteo Salvini annuncia l'ingresso di Giulia Bongiorno nella Lega

Salvini 'ingaggia' Giulia Bongiorno: "Sarà capolista della Lega"

L'avvocatessa: "Ho portato avanti delle battaglie stando nel mio studio, ma è in Parlamento che le cose si fanno"

Luigi Di Maio a Torino per la restituzione stipendi consiglieri

Parlamentarie M5S, proteste sul web. Il blog: "Sono chiuse"

Molti non sono riusciti a esprimere la loro preferenza, altri non hanno trovato il proprio nome nella lista dei papabili che correranno al proporzionale nelle elezioni del 4 marzo