Mercoledì 23 Novembre 2016 - 08:15

Generali conferma target al 2018: dividendi sopra 5 miliardi

Il nuovo piano verrà presentato oggi a Londra

Generali conferma target finanziari al 2018: 5 miliardi dividendi

Generali conferma, nell'aggiornamento del piano industriale del 2015, tutti i target finanziari al 2018: generazione di cassa superiore ai 7 miliardi, dividendi sopra i 5 miliardi, return on equity medio sopra il 13%. Il nuovo piano, che viene presentato oggi a Londra, punta sulla razionalizzazione della macchina operativa con un ottimizzazione della presenza geografica internazionale, raccogliendo circa un miliardo di euro con l'uscita dai mercati non attrattivi. Previsti programmi 'Fit-to-lead' per aumentare del 15% la produttività, target di 200 milioni per la riduzione netta dei costi operativi nei mercati maturi al 2019.

A livello tecnico sul ramo danni si punta ad un ulteriore miglioramento della sovra-performance del CoR rispetto ai peer, nel ramo vita invece si punta ad una riduzione valore medio della garanzia fino all'1,5% insieme ad un ribilanciamento del portafoglio, con +6% di riserve capital-light sulla percentuale totale. Il piano infine punta ad un aumento della fidelizzazione dei clienti, un rafforzamento del brand nei mercati maturi, e l'avvio di progetti digitali per migliorare efficacia operativa e soluzioni per clienti e rete distributiva.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Mark Fields lascia la carica di ceo

Ford, Mark Fields lascia la carica: James Hakett nuovo ceo

Fields ha deciso di ritirarsi da Ford sopo una carriera di successo

Patto Parigi-Berlino per rafforzare Eurozona: idee entro luglio

Patto Parigi-Berlino per rafforzare Eurozona: idee entro luglio

Gruppo di lavoro lanciato dal ministro Schaeuble con l'omologo Le Maire

L'Ue grazia l'Italia: Ok a manovra di correzione, reintrodurre Imu per redditi alti

L'Ue all'Italia: Ok a manovrina, reintrodurre Imu per redditi alti

Ma il ministro Padoan replica: "Non è una buona idea apportare modifiche su una tassa appena cambiata"