Lunedì 08 Gennaio 2018 - 16:30

Gb, Theresa May avvia il rimpasto. Subito una mezza gaffe

Brandon Lewi presidente del partito Tory. Ma un tweet (poi cancellato) annuncia il nome di Chris Gayling per questa poltrona

La premier britannica Theresa May ha avviato l'atteso rimpasto di governo con una prima nomina, quella di Brandon Lewis come segretario di Stato senza portafoglio e presidente del partito conservatore. Finora il ruolo di presidente del partito Tory era ricoperto da Patrick McLoughlin.

Attraverso l'account Twitter ufficiale dei Tory era stata in precedenza annunciata la nomina di Chris Grayling a questo incarico, ma il tweet è poi stato cancellato. Un inizio imbarazzante per il processo che Downing Street ha descritto come "una nuova partenza", dopo un anno difficile in cui la premier Theresa May ha perso la maggioranza parlamentare e affrontato richieste di dimissioni, in gran parte in relazione alla questione della Brexit.

Il vice premier Damian Green si è dimesso a dicembre, a seguito dello scandalo in cui era stato coinvolto per aver mentito sulla scoperta di immagini pornografiche sul suo computer. Prima di lui erano arrivate in poche settimane le dimissioni del segretario alla Difesa e del ministro allo Sviluppo internazionale.
 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Migranti, Merkel riceve Conte: "Verremo incontro a richiesta di solidarietà dell'Italia"

Vertice a Berlino in mezzo alla bufera con la Csu. Il premier: "Non ci possono lasciare da soli". Fico contro Orban: "Se non vuole le quote deve essere multato"

Unicef, video Beckham per 'Super Dads': "Cos'è per me essere papà"

Il campione di calcio, padre di quattro figli e Goodwill Ambassador, racconta la sua esperienza di genitore: dalla preoccupazione costante alla necessità di essere presente

Trump presenzia a un evento in onore delle madri e spose soldato

Migranti, Onu (e Melania) contro Trump: "Irragionevole separare bambini dalle famiglie"

Anche la first lady critica l'attuale legge sull'immigrazione e fa un appello per una riforma bipartisan

Inaki Urdangarin in tribunale

Spagna, in carcere il cognato del re: condannato per appropriazione indebita

Dovrà scontare cinque anni e dieci mesi di reclusione