Lunedì 08 Gennaio 2018 - 16:30

Gb, Theresa May avvia il rimpasto. Subito una mezza gaffe

Brandon Lewi presidente del partito Tory. Ma un tweet (poi cancellato) annuncia il nome di Chris Gayling per questa poltrona

La premier britannica Theresa May ha avviato l'atteso rimpasto di governo con una prima nomina, quella di Brandon Lewis come segretario di Stato senza portafoglio e presidente del partito conservatore. Finora il ruolo di presidente del partito Tory era ricoperto da Patrick McLoughlin.

Attraverso l'account Twitter ufficiale dei Tory era stata in precedenza annunciata la nomina di Chris Grayling a questo incarico, ma il tweet è poi stato cancellato. Un inizio imbarazzante per il processo che Downing Street ha descritto come "una nuova partenza", dopo un anno difficile in cui la premier Theresa May ha perso la maggioranza parlamentare e affrontato richieste di dimissioni, in gran parte in relazione alla questione della Brexit.

Il vice premier Damian Green si è dimesso a dicembre, a seguito dello scandalo in cui era stato coinvolto per aver mentito sulla scoperta di immagini pornografiche sul suo computer. Prima di lui erano arrivate in poche settimane le dimissioni del segretario alla Difesa e del ministro allo Sviluppo internazionale.
 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco in visita a Temuco

Cile, Papa condanna frange estremiste nativi: "No riconoscimento a prezzo vite"

Continua il viaggio di papa Francesco in Cile. Il pontefice ha celebrato la santa messa davanti alle rappresentanze delle popolazioni indigene originarie dell'Araucanìa

Catalogna: si riunisce il nuovo Parlamento

Catalogna, indipendentista Torrent eletto presidente Parlament

È stato eletto con 65 voti a favore e 56 contrari

Russiagate, da Mueller mandato comparizione per Bannon

L'ex capo stratega della Casa Bianca chiamato per testimoniare davanti a un grand jury sui possibili legami fra lo staff di Trump e la Russia durante la campagna elettorale

Papa Francesco in Cile

Cile, altre 3 chiese attaccate all'alba: 9 da scorsa settimana

Gli ultimi attacchi incendiari qualche ora dopo l'arrivo di Papa Francesco.