Lunedì 02 Maggio 2016 - 16:15

Gattuso: Guardiola ha creato mostri, sbagliato copiare

L'ex campione rossonero e Fabio Cannavaro in viaggio da Milano a Roma con il trofeo Tim Cup

Gattuso: Guardiola ha creato mostri, sbagliato copiare

"Il calcio italiano? Il fatto che vogliamo andare a copiare Guardiola è sbagliato. Il Barcellona e Guardiola hanno creato dei mostri. Bisognava puntare dove eravamo forti, sulla scuola dei portieri e dei difensori: perché accantonare dove eravamo bravi? Abbiamo quattro stelle sulla maglia della Nazionale: ci sarà un motivo. Vuol dire che prima siamo stati bravi per tantissimi anni"."Se noi giochiamo un calcio difensivo ci dicono che facciamo il catenaccio. Se lo fanno gli altri, sono bravi". A dirlo è stato l'ex campione rossonero, Rino Gattuso, durante la conferenza stampa di presentazione del viaggio in Frecciarossa da Milano a Roma della Tim Cup. Il presidente della Lega Serie A, Maurizio Beretta, infatti, ha consegnato oggi a Milano il trofeo della Tim Cup a Fabio Cannavaro e Gennaro Gattuso. I due campioni del mondo, entrambi vincitori della Coppa Italia, che durante la loro carriera hanno indossato anche le maglie delle squadre finaliste di quest'anno, Milan e Juventus, si sono diretti poi dalla sede della Lega Serie A alla stazione Centrale di Milano. Insieme al giornalista Pierluigi Pardo, le due leggende sono partite alle 15 alla volta di Roma, a bordo del nuovo treno Frecciarossa 1000, per accompagnare il trofeo nella Capitale, dove si disputerà la finale della Tim Cup 2016, sabato 21 maggio con inizio alle ore 20.45 allo Stadio Olimpico.

MESTIERE ALLENATORE DIFFICILISSIMO. "Per fare il mestiere dell'allenatore non basta essere stato un grandissimo giocatore. Bisogna saperne di calcio, capire chi hai di fronte, devi avere una conoscenza. Bisogna sempre esprimersi nel modo giusto, è un mestiere molto, molto difficile. Da parte mia meglio fare il calciatore piuttosto che l'allenatore", ha detto, inoltre, l'ex campione rossonero e oggi allenatore del Pisa in Lega Pro. Poi, analizzando i problemi del calcio italiano, 'Ringhio' ha ragionato: "Oggi i nostri ragazzi giocano dalle 9 alle 10 ore a settimana più una partita, una volta giocavamo 10 ore al giorno. In Olanda, invece, i ragazzi giocano 25 ore a settimana. Per fare uscire il talento bisogna giocare di più. Certo, la scuola è importante ma i nostri figli sono diventati fenomeni a mandare un sms, a scrivere su Facebook".

MILAN E INTER DEVONO TORNARE COMPETITIVE. "Per tornare forte in Europa, il calcio italiano ha assolutamente bisogno che Milan e Inter tornino competitive", ha aggiunto Gattuso.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Gaetano Scirea

Gaetano Scirea: avrebbe 65 anni il 'gentleman' del calcio italiano

Morì in un incidente in Polonia nel 1989. Dai sette Scudetti con la Juve alla Coppa del Mondo: gli straordinari traguardi di uno dei difensori più forti di sempre

Coverciano, primo giorno di ritiro per la Nazionale di Roberto Mancini

Mancini alla prova del primo ritiro: "Possiamo dare molto. Buffon? Porte aperte"

Stesso discorso anche per De Rossi. Grandi speranze su Balotelli: "Dipende tutto da lui, dovrà dare il massimo"

Sampdoria - Napoli

Sarri rifiuta lo Zenit e si avvicina al Chelsea

Ma resta da risolvere il nodo di Conte, legato ai 'Blues' ancora per una stagione

TOPSHOT-FBL-LIGA-ESP-BARCELONA-REAL SOCIEDAD

Ufficiale, Iniesta al Vissel Kobe: "Sfida importante per la mia carriera"

L'ingaggio dello spagnolo sarà di circa 30 milioni di dollari