Mercoledì 22 Giugno 2016 - 16:45

Gatti e cani incendiati per accendere i roghi nei boschi

La segnalazione di Aidaa: Una cosa che denunciammo già anni fa

Gatti e cani incendiati per accendere i roghi nei boschi

"Sono anni che denunciamo il fenomeno degli animali in particolare cani e gatti incendiati e lanciati nei boschi per provocarne gli incendi, l'anno scorso diverse testate tra cui alcune agenzie stampa ripresero il nostro comunicato che però non fu preso nella doverosa considerazione da chi di dovere. Oggi tutti si meravigliano di quanto successo in Sicilia, ma il fenomeno è antico era gia accaduto in Puglia e lo scorso anno in Calabria. Forse un pizzico di maggiore attenzione avrebbe potuto aiutare ad evitare un grave scempio ambientale come quello accaduto in Sicilia con l'incendio dei boschi dei giorni scorsi". A parlare così il presidente dell'associazione animalista Aidaa, Lorenzo Croce, che da anni denuncia il fenomeno dell'uso di incendiare animali in particolare gatti che vengono poi lancianti nei boschi come delle torce viventi provocando incendi spesso di vaste proporzioni.

Lo scorso anno nel febbraio Aidaa lanciò l'allarme ripreso da alcune testate "ma ignorato da chi doveva fare i controlli, ora se ne parla come di un fenomeno straordinario, invece era ed è un metodo antico usato da anni che Aidaa aveva più volte denunciato".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

A 14, ragazzina giù da viadotto. Si uccide l'uomo che l'ha gettata

Francavilla (Chieti) è il compagno della madre della bambina (12 anni) che è morta. Questa mattina, la donna è volata dalla finestra della loro casa. E' morta all'ospedale. Si teme che l'uomo abbia ucciso madre e figlia

L'Udienza generale del mercoledì di Papa Francesco

La preghiera del Papa: "Riconciliazione in Terra santa e tutto il Medioriente"

Appello anche per il Venezuela: "Si trovi la strada della pace e dell'unità"