Mercoledì 21 Giugno 2017 - 16:45

Gassmann lascia Twitter: Ho difeso ius soli e mi hanno insultato

L'attore chiude il profilo dopo gli attacchi ricevuti nei giorni scorsi: "Un saluto ai follower, mi mancherete tanto"

Gassmann dice addio a Twitter: Ho difeso ius soli e mi hanno insultato e minacciato

Alessandro Gassmann dice addio a Twitter dopo gli insulti ricevuti per aver espresso posizioni a favore dello ius soli. "In questi giorni ho dibattuto su ius soli e immigrazione sostenendo le mie ragioni, a volte rispondendo per le rime a chi anche con aggressività sosteneva il contrario. Sono stato insultato, minacciato, offeso, preso in giro in maniera violenta e continua", spiega l'attore sul suo profilo.

"L'attacco che ho subito mi ha toccato, non c'è spazio per chi come me non ha paura di dire ciò che pensa senza bandiere". Per questo, continua Gassmann, "chiuderò il mio profilo Twitter e smetterò di esprimere le mie idee pubblicamente", continuando ad "esprimere il mio pensiero a chi mi conosce e ritiene interessante parlare con me".

Poi il saluto ai follower: "Mi mancherete parecchio, vi considero amici lontani ed è stato bello sentire la vostra vicinanza".

 

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Premiere di "The Promise" a Los Angeles

Molestie, una fan accusa Stallone ma lui nega: "Storia ridicola e falsa"

La donna ha dichiarato che, nel 1986, l'attore la costrinse ad avere un rapporto sessuale a tre

Molestie, accuse a Sylvester Stallone: fan 16enne costretta a rapporto a tre

La violenza - riporta il Daily Mail - sarebbe avvenuta in un albergo di Las Vegas nel 1986, quando l'attore lavorava ad 'Over the Top'

Kevin Spacey allegations

Molestie, teatro Old Vic Londra: 20 testimonianze contro Kevin Spacey

L'attore ne è stato il direttore artistico dal 2004 al 2015

Accuse a Brizzi, la moglie lo difende: "Per me sono solo voci"

Non la pensa così Asia Argento, che su 'Oggi' dichiara: "Non l'ho mai conosciuto ma sono dalla parte delle vittime. Non si può dubitare di dieci ragazze che raccontano lo stesso modus operandi"