Giovedì 20 Aprile 2017 - 16:15

Tap, Tar respinge ricorso Regione Puglia contro espianto ulivi

Si mirava a ottenere la sospensione dei lavori da parte della società nella zona del cantiere in Salento

Gasdotto Tap, respinto il ricorso della Regione Puglia contro l'espianto degli ulivi

Il Tar del Lazio ha respinto il ricorso, numero di registro generale 3065 del 2017, proposto dalla Regione Puglia che mirava a ottenere la sospensione dell'espianto degli ulivi da parte della società Tap nella zona del cantiere per il gasdotto.  La decisione è stata presa nella camera di consiglio di ieri, 19 aprile: "Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza), definitivamente pronunciandosi sul ricorso, lo respinge" si legge nel testo della sentenza. 

A stoppare i lavori era stato, nei giorni scorsi, appunto  il Tar del Lazio che aveva sospeso l'autorizzazione dopo il ricorso della Regione. Subito era arrivata il commento del ministro all'Ambiente Galletti: "Rispetto la sentenza del Tar, che non mette assolutamente in discussione la procedura del mio ministero. Ai manifestanti voglio dire che qui stiamo parlando di un'opera ambientalmente corretta. Il gas ci rende più indipendenti da petrolio e carbone. Non vedo le ragioni di questa protesta" aveva sottolineato il ministro.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Pericolo valanghe in Alta Val Venosta: evacuato un hotel

Situazione critica nella provincia di Bolzano, allerta di grado 5

Padoan: "Flat Tax? Quando si abbassa tassa serve copertura"

Il ministro delle finanze commenta la proposta di Berlusconi. E avverte: "Ecofin preoccupato per esito elezioni in Italia"

Uccide moglie e spara dal balcone a Caserta

Caserta, dietro omicidio-suicidio motivi economici e gelosia

I carabinieri e i magistrati, che indagano sulla vicenda, stanno analizzando la vita dei coniugi morti a Bellona

Camera dei Deputati, Matteo Salvini in conferenza stampa

Lega: chi sono Bagnai e Borghi, candidati da Salvini contro l'Ue

Chi sono i due scelti dal leader del Carroccio: l'anti-Padoan e un docente no euro