Lunedì 08 Agosto 2016 - 16:15

Gabrielli: Dire che migranti portano terrorismo è ardito

Sulla morte dell'agente: "Poco serio addebitarla ai No Borders"

Gabrielli: Dire che migranti portano terrorismo è ardito

Il "tanto sbandierato e tanto rappresentato parallelismo" tra flussi migratori e terrorismo è "quanto meno ardito, ma non bisogna cadere nell'errore opposto", e sottovalutarlo. Queste le parole del capo della Polizia, Franco Gabrielli, in visita a Ventimiglia.

Il capo della Polizia ha ammesso che si tratta di una "preoccupazione legittima". Ma "ad oggi, tutto quello che è stato posto in essere ha garantito al Paese una condizione di sicurezza - ha spiegato Gabrielli incontrando i cronisti -. Come viene ricordato dal ministro Alfano, comunque, non esiste il rischio zero". "Gli sforzi che gli apparati hanno fatto stanno comunque conseguendo risultati", ha sottolineato.

LEGGI ANCHE Agente muore a Ventimiglia. Mattarella: Solidale vicinanza

In merito alla morte del sovrintendente Diego Turra, deceduto per infarto a Ventimiglia, Gabrielli sostiene "che, addebitarla ai No Borders sia un esercizio poco serio".

Gabrielli ha spiegato di essere a Ventimiglia per mostrare "solidarietà umana" verso il collega ucciso e "anche per ringraziare questi uomini e queste donne" e "per dimostrare la mia vicinanza a chi opera nel territorio, e su un territorio estremamente importante".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, temperature vicine allo zero, persone infreddolite a porta Nuova

Nebbia e gelo: il meteo del 17 e del 18 dicembre

Continuano a scendere le temperature in questo nuovo inizio di settimana

REALI DI SAVOIA

Savoia, anche la salma di Vittorio Emanuele III è tornata in Italia

La salma, partita da Alessandra d'Egitto durante la notte, è arrivata al santuario di Vicoforte

REALI DI SAVOIA

Savoia, la salma della regina Elena torna in Italia

Le spoglie sono ora al Santuario di Vicoforte e presto potrebbero arrivare anche quelle del marito, re Vittorio Emanuele III

Da operaio a rubagalline fino a diventare un killer: ecco chi è 'Igor'

L'ex soldato è arrivato in Italia nel 2005, prima lavora poi inizia a delinquere