Sabato 21 Maggio 2016 - 10:45

G7 lancia allarme: Brexit è minaccia globale

Nel documento finale del vertice di parla di "shock" nel caso in cui il Regno Unito uscisse dall'Ue

Brexit, la campagna laburista per la permanenza nell'Ue

La Brexit sarebbe una minaccia globale. Lo hanno affermato i ministri delle Finanze del G7 riuniti in Giappone nel documento finale del vertice. Secondo i ministri "lo shock di una possibile uscita del Regno Unito dall'Unione europea si riverserebbe sul contesto economico globale". Già in un'intervista alla Bbc in Giappone, il ministro britannico delle Finanze George Osborne, aveva affermato che "se usciamo dall'Unione Europea, ci sarà un immediato shock economico per i mercati finanziari... la gente non saprà cosa riserverà il futuro. E nel lungo termine, il Paese e i suoi cittadini saranno più poveri perchè questo colpirà il valore delle case". Secondo Osborne infatti, "la Brexit colpirà le persone che comprano casa per la prima volta che saranno colpite da tassi sui mutui in continuo aumento. Sarà più difficile ottenere un mutuo. È una situazione in cui tutti perdono".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Campagna di Russia

La ritirata di Russia 75 anni fa: 100mila soldati non tornarono

"Solo a piedi, sempre a piedi, con un freddo terribile", ricorda ancora oggi l'allora giovane sottotenente della divisione Ravenna Guido Placido

Putin e Erdogan in conferenza stampa a Ankara

Russia, Putin: "Correrò alle elezioni da indipendente"

Il presidente russo spera nel sostegno di più di un partito politico

Handout photo of Kentucky state Representative Dan Johnson (R-KY)

Usa, si suicida deputato repubblicano del Kentucky accusato di stupro

L'accusa di stupro risale al 2013, ma il caso era stato riaperto sulla scia degli scandali sessuali che hanno travolto altri 4 deputati della sua legislatura

Rohingya refugees make their way over a bridge at the Kutupalong refugee camp near Cox's Bazar

Birmania, Msf: "6.700 rohingya uccisi in un mese". E il Papa: "Sono loro Gesù"

Il bilancio ufficiale delle autorità birmane riferito allo stesso periodo è di 400 vittime