Sabato 27 Maggio 2017 - 08:45

G7 in salita, Trump attacca Berlino e non terrà la conferenza stampa di fine vertice

La due giorni di Taormina si concluderà senza che l'inquilino della Casa Bianca incontri i media

G7 in salita, Trump attacca Berlino e non terrà la conferenza stampa di fine vertice

 Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, non terrà una conferenza stampa al termine del G7 di Taormina. Così emerge dal programma quotidiano dell'inquilino della Casa Bianca, che si aprirà con la partecipazione alla cosiddetta sessione 'outreach' del vertice a cui partecipano i leader di Tunisia, Niger, Nigeria, Kenya ed Etiopia. Sono in programma, invece, alle 15 la conferenza stampa conclusiva del premier Paolo Gentiloni, alle 16 quella del presidente francese Emmanuel Macron, nonché quella del premier giapponese Shinzo Abe e alle 17 quella del premier canadese Justin Trudeau.
 

 La giornata si apre con la cerimonia dei  Paesi 'outreach' . Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni sta accogliendo i rappresentanti di Etiopia, Kenya, Nigeria, Niger, Tunisia, Unione Africana, Banca Africana per lo Sviluppo, Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico), Nazioni unite, Fondo monetario internazionale, Banca mondiale. La sessione di lavoro sarà dedicata all'innovazione e allo sviluppo dell'Africa.
 

Scritto da 
  • redazioneweb
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Montecitorio, fiaccolata in memoria di Giulio Regeni a due anni dalla sua morte

Regeni, Salvini vola da Al-Sisi: "Giustizia rapida per Giulio"

Il ministro dell'Interno in Egitto: "Il presidente ha assicurato che sarà fatta chiarezza"

Migranti, altri morti e scontro Open Arms-Salvini. Mattarella invoca 'accoglienza'

Una imbarcazione è affondata al largo del nord di Cipro e il bilancio è di almeno 19 morti. Un'altra nave con migranti a bordo bloccata di fronte alla Tunisia

Commissione Vigilanza Rai. Eletto il Presidente Alberto Barachini

Rai, Alberto Barachini: chi è il nuovo presidente della vigilanza

Giornalista, dal 1999 è cresciuto nella squadra Mediaset. Alle ultime elezioni politiche, Silvio Berlusconi lo ha voluto nella squadra dei candidati azzurri

Giustizia, il ministro Bonafede al Csm

Legittima difesa, Bonafede: "No alla liberalizzazione delle armi". M5S frena

Salvini precisa: "No pistole vendute in tabaccheria. Niente modello americano". Il premier Conte: "No alla giustizia privata"