Sabato 23 Luglio 2016 - 12:00

G20 al via in Cina: al centro Brexit, Turchia e terrorismo

Prime discussioni su politica fiscale e misure per crescita economia per uguaglianza sociale

Al via il G20 in Cina

I ministri delle finanze e i governatori delle banche centrale dei Paesi con le 20 principali economie sviluppate o emergenti del mondo hanno dato il via al G20 a Chengdu, in Cina. Il vertice si concentrerà sull'impatto sull'economia internazionale della Brexit, ma si prevede che verranno affrontate anche altre questioni come il fallito golpe in Turchia, la lotta contro il finanziamento al terrorismo e le restrizioni agli scambi internazionali. La riunione si concluderà domani con la pubblicazione di una dichiarazione finale firmata da tutti i partecipanti.

La giornata di oggi è iniziata con una discussione sulla politica fiscale e sull'uso di misure come stimolo per la crescita economica e l'innovazione e come strumento per raggiungere l'uguaglianza sociale. Tra gli altri hanno partecipato al forum la direttrice dell'Fmi Christine Lagarde, il segretario dell'Ocse Angel Gurria, il segretario del Tesoro americano Jack Lew e il ministro delle Finanze cinese Lou Jowei.
 

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Il Pentagono ammette l'esistenza di un programma per cercare gli Ufo

Da anni il programma 'segreto' indaga sulle segnalazioni di oggetti volanti non identificati

Gerusalemme capitale, ancora proteste in tutto il mondo musulmano

Gerusalemme, l'Onu lavora a bozza di risoluzione contro la mossa di Trump

Nel testo si evidenzia che qualsiasi decisione sullo status della città non ha alcun effetto legale

Sanità, Trump vieta la parole "transgender", "feto", "diritti" e "basato sulla scienza"

L'ordine riguarda i documenti ufficiali di bilancio del Center of Disease Control. Sette i termini cancellati. Imbarazzo e perplessità

AUT, 24. OSZE Ministerrat

Austria, Strache al governo con Kurz. Ministeri chiave a estrema destra

Il presidente austriaco ha dato luce verde alla formazione del nuovo esecutivo con la coalizione tra il Partito popolare (Övp) e gli ultranazionalisti del Partito liberale (FpÖ)