Venerdì 21 Ottobre 2016 - 11:00

Rubavano occhiali a Luxottica: danno per un milione di euro

Furti seriali di oltre cento paia a settimana nei magazzini: sei arresti

Furti seriali di occhiali per un milione di euro: 6 arresti

Rubavano occhiali di valore e li rivendevano a ottici compiacenti, per un giro di affari stimato da un 1 milione di euro ai danni di Luxottica. E' stata sgominata una banda attiva nel nord Italia, capace di sottrarre fino a 120 paia di occhiali da sole o montature da vista (soprattutto Ray-Ban e Persol) alla settimana. 

I carabinieri della compagnia di Chivasso, Torino, hanno eseguito sei provvedimenti restrittivi nei confronti di altrettanti indagati (quattro italiani e due romeni) per i reati di associazione per delinquere, furto aggravato, riciclaggio e ricettazione. Le misure cautelari, emesse dal Tribunale di Ivrea (Torino), sono state eseguite nella provincia di Torino, Milano, Venezia e Novara.

I primi casi risalgono a maggio 2014, quando i responsabili dello stabilimento Luxottica di Lauriano (Torino) denunciarono la fuoriuscita illegale di occhiali pregiati dalla fabbrica. Le indagini si sono concentrate su alcuni dipendenti ed ex dipendenti Luxottica e sono riuscite a individuare il sodalizio responsabile dei furti seriali di occhiali che venivano poi rivenduti a negozi di ottica compiacenti, in Italia e all'estero.

I ladri sottraevano gli occhiali dal ciclo produttivo e ne giustificavano la mancanza classificandoli come scarti di produzione. Quindi li portavano via. Oltre che nella fabbrica di Lauriano, i furti avvenivano in un magazzino-deposito situato a Peschiera Borromeo (Milano), riconducibile ad una ditta di trasporti operante per conto di Luxottica.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Cei. Apertura del Consiglio episcopale permanente.

La Cei: "Credevamo sepolti i discorsi sulla razza, no alla 'cultura della paura'"

Il presidente Bassetti: "E' immorale lanciare promesse che si sa di non riuscire a mantenere e speculare sulle paure della gente"

Continua il viaggio di Papa Francesco in Perù

Pedofilia, Papa su Barros nessuna esitazione: "Ma chiedo scusa alle vittime"

"Ho usato parole sbagliate e ho ferito chi ha subito abusi", ha spiegato il Pontefice

Roma, chiesto processo per riciclaggio per Fini e i Tulliani

Sono accusati di essere coinvolti nel giro di affari del 're delle slot' Francesco Corallo

Infortunio mortale sul lavoro all'azienda Elettrotecnica LG

Cassino, si è suicidato il padre accusato di abusi dalla figlia minorenne

Il corpo senza vita trovato impiccato in una chiesa in località Castello a Roccasecca. La denuncia della ragazzina arrivata attraverso un tema in classe