Lunedì 11 Aprile 2016 - 07:00

Frosinone, sesso e soldi per emissione patenti: 135 indagati

Per una patente bustarelle fino a 4000 euro, 20 arresti

Frosinone, corruzione per emissione patenti: 20 arresti 135 indagati

La polizia di Frosinone, in collaborazione con quella di Roma, Napoli, Caserta e l’Aquila, ha arrestato 20 persone, imputate di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, falso in atto pubblico, sostituzione di persona, accesso abusivo a sistema informatico pubblico, frode informatica ai danni dello Stato. L’operazione, che riguarda un giro di corruzione per l'emissione di patenti ed è stata chiamata 'Pay to drive', ha portato a indagare complessivamente ben 135 persone. ”L'alto numero dipende dal fatto che ogni neo-patentato coinvolto è a sua volta indagato”, spiega il vicequestore della Mobile di Frosinone, Carlo Bianchi. L'associazione a delinquere aveva quale scopo quello di far conseguire, revisionare o rinnovare la patente a persone disposte a pagare cifre che si aggiravano intorno ai 4000 euro. Tra gli arrestati anche un ingegnere della Motorizzazione civile di Frosinone che, all'epoca dei fatti, ricopriva l'incarico di direttore.

I poliziotti hanno sequestrato 90 patenti di varie categorie ottenute sfruttando il sistema illecito. I clienti dell'organizzazione criminale erano per lo più stranieri (egiziani, pakistani, marocchini e cinesi), spesso non in grado di comprendere nemmeno l'italiano, né tantomeno il codice stradale e la segnaletica. 

 Patenti in cambio di denaro, ma anche favori sessuali elargiti, come prezzo aggiuntivo, dalle candidate/clienti o perfino dalle consorti dei clienti uomini. Il giro d'affari scoperto dalla polizia ammonterebbe a circa 224mila euro.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Roma, albero cade su automobili in viale delle Milizie incrocio Lungotevere

Roma, albero si schianta su auto: ferito un tassista

Paura nel quartiere Prati. Ritardi alle corse sulla Roma-Lido a causa di un altro crollo

Anziano restituisce borsa con 2mila euro: "Ho fatto una cosa normale"

"Quando ho visto tutti quei soldi, mi sono spaventato", racconta il 72enne

Villa Borghese, dove si suppone sia stata stuprata una donna tedesca

Roma, arrestato stupratore di villa Borghese: violentò clochard tedesca

Pochi giorni dopo aveva violentato, picchiato e legato anche un'altra donna

Marcia per la sicurezza organizzata da Forna Nuova a Tiburtino III

Forza Nuova rinuncia alla marcia su Roma del 28 ottobre

La manifestazione era stata vietata dalla questura