Domenica 27 Novembre 2016 - 12:15

Francia, urne aperte per ballottaggio centro-destra

Sfida Fillon-Juppé: chi vince è il candidato per l'Eliseo nel 2017

Francois Fillon e Alain Juppé si sfidano nel secondo turno delle primarie del centro destra

Aperti i seggi elettorali in Francia per il secondo turno delle primarie del centro-destra. Chi uscirà vincitore dal duello sarà il candidato per l'Eliseo nelle elezioni del 2017. Dopo l'eliminazione nel primo turno di Nicolas Sarkozy, ora i francesi dovranno scegliere tra due ex primi ministri: François Fillon, che secondo i sondaggi sembra essere il favorito, e Alain Juppé, che si attesta al 39% delle preferenze. In totale ci sono 10.228 centri di voto aperti tra la Francia e la Corsica. Nel primo turno l'affluenza è stata di 4.270.000 francesi. Difficili le stime sulla partecipazionde dell'elettorato in questo secondo turno.

François Fillon da una parte e Alain Juppé dall'altra. Un politico che rivendica la filiazione da Margaret Thatcher da una parte, e un altro che si ispira a Charles De Gaulle dall'altra. Nel secondo turno delle primarie francesi del centro-destra si sceglie non solo fra due ex premier, ma di fatto tra due diverse concezioni della destra. Quella neoliberale di taglio tradizionalista rappresentata da Fillon, e appunto quella gaullista rappresentata da Juppé. Chi uscirà vincitore dal duello sarà il candidato per l'Eliseo nelle elezioni del 2017 e, visti i sondaggi, avrà buone possibilità di andare alla sfida al secondo turno con Marine Le Pen. I seggi chiudono alle 19, e entro un'ora e mezza sono previsti i primi risultati.

OGGI SI VOTA, FILLON IN TESTA. Nel primo turno delle primarie, domenica scorsa, Fillon ha ottenuto il maggior numero di voti attestandosi al 44,1% e Juppé si è piazzato a sorpresa al secondo posto con il 28,6% (mentre per settimane era stato in testa ai sondaggi), lasciando fuori dalla corsa l'ex presidente Nicolas Sarkozy che ha ottenuto soltanto il 20,7%. Stando agli ultimi sondaggi, Fillon è in testa anche nella tornata decisiva di oggi con una distribuzione dei voti che si attesta intorno al 60% contro il 40% di Juppé.

IL DUELLO IN TV E TEMA ABORTO. E anche nel duello tv di giovedì sera, Fillon è risultato vincente: secondo una rilevazione dell'istituto demoscopico Elabe, al termine del dibattito il 57% dei telespettatori ha detto di avere trovato più convincente lui, mentre solo il 41% si è lasciato sedurre dal sindaco di Bordeaux. In due ore di faccia a faccia Juppé ha avviato quella che si potrebbe definire un'offensiva cordiale, mentre il rivale si è mantenuto sulla difensiva dopo gli attacchi degli ultimi giorni per la sua posizione sfavorevole all'aborto. "Sai che ho sempre avuto stima di te, e non ho cambiato opinione. Ma possiamo fare domande, e questo è quello che ho fatto quando le tue posizioni o proposte non mi sono sembrate chiare", ha detto a Fillon Juppé, che martedì aveva chiesto appunto al rivale di chiarire la sua posizione sull'aborto. Fillon è contrario all'aborto e alle nozze gay, ma assicura che in caso di elezione non proverebbe a legiferare contro questi elementi acquisiti.
 

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Brexit, Barnier a May: Su diritti cittadini servono più garanzie

Brexit, Barnier a May: Su diritti cittadini servono più garanzie

"L'Unione europea vuole "più ambizione, chiarezza e garanzie"

La Corte suprema esaminerà 'muslim ban' di Trump: intanto entrano in vigore alcune parti

La Corte suprema dà parziale via libera al 'muslim ban'. Trump: E' chiara vittoria

Divieto di ingresso negli Usa a tutti i rifugiati per 120 giorni. Il decreto sarà esaminato a ottobre

Trump: Corte suprema su 'travel ban' è chiara vittoria

Trump: Corte suprema su 'travel ban' è chiara vittoria

La Corte ha deciso oggi che da ottobre esaminerà la legalità del provvedimento

Regno Unito, accordo May-Dup per sostegno a governo di minoranza

Regno Unito, accordo May-Dup per sostegno a governo minoranza

L'esecutivo ha bisogno dei dieci deputati del partito unionista dopo aver perso la maggioranza alle elezioni