Mercoledì 19 Luglio 2017 - 11:30

Francia, polemica con Macron: si dimette capo delle forze armate

Le sue dimissioni sono state accettate

French President Emmanuel Macron and Chief of the Defence Staff French Army General Pierre de Villiers attend the traditional Bastille Day military parade on the Champs-Elysees in Paris

Il capo delle forze armati francesi, Pierre de Villiers, ha rassegnato le sue dimissioni in seguito ad una discussione pubblica con il presidente Emmanuel Macron in merito alla proposta di tagli al bilancio della Difesa. In una dichiarazione, de Villiers ha riferito di aver tentato di mantenere una difesa in grado di fare un lavoro sempre più complesso all'interno dei vincoli finanziari imposti. "Nelle circostanze attuali - ha dichiarato - non sono più in grado di garantire una difesa robusta che credo sia necessaria per garantire la protezione della Francia e del suo popolo, oggi e domani, e per sostenere gli obiettivi del Paese". Le dimissioni sono state accettate da Macron che ha nominato come suo sostituto il generale François Lecointre

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Isabell e Preble: morire insieme dopo 71 anni di matrimonio

Una storia americana: si sposarono nel 1946, hanno vissuto sempre vicini e se ne sono andati a poche ore di distanza l'uno dall'altra

The Argentine military submarine ARA San Juan and crew are seen leaving the port of Buenos Aires

Argentina, rilevata 'anomalia idroacustica' nel luogo della scomparsa del sottomarino

Un "rumore" è stato registrato circa tre ore dopo l'ultima comunicazione avuta con il mezzo disperso dal 15 novembre

Ratko Mladic

Chi è Ratko Mladic: 'macellaio' di Srebrenica e assedio Sarajevo

L'ex generale è stato condannato per genocidio e crimini contro l'umanità

Victims and their family members watch a television broadcast of the court proceedings of former Bosnian Serb general Ratko Mladic in the Memorial centre Potocari near Srebrenica

Srebrenica: Mladic condannato all'ergastolo, ma farà ricorso

Era l'ultimo grande accusato per il suo ruolo nella guerra in Bosnia, conflitto che causò almeno 100mila morti