Lunedì 30 Gennaio 2017 - 12:30

Scandalo moglie Fillon: sentito imprenditore de Lacharriere

E' sospettata di aver ricoperto un incarico fittizio, come assistente del marito, che avrebbe permesso di guadagnare 500mila euro

Francia, scandalo moglie Fillon: sentito imprenditore de Lacharriere

L'uomo d'affari e miliardario francese Marc Ladreit de Lacharriere è stato interrogato dalla polizia che indaga sullo scandalo che ha coinvolto Penelope Fillon, moglie del candidato alla presidenziali francesi François Fillon, sospettata di aver ricoperto un incarico fittizio come assistente del marito quando questi era parlamentare, che le avrebbe permesso di guadagnare 500mila euro. Il gruppo Fimalac che fa capo a De Lacharriere è proprietario della rivista letteraria La Revue des Deux Mondes, per cui Penelope Fillon collaborò durante il periodo del suo presunto lavoro fittizio. Fillon è candidato alle presidenziali in Francia per la destra, ma la sua corsa all'Eliseo rischia di essere compromessa dallo scandalo, nato in seguito a uno scoop della rivista satirica Le Canard Enchaine.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Usa, un anno di Trump: tra scandali e promesse mantenute

Al termine del primo anno di governo l'immagine del presidente degli Stati Uniti nel mondo è peggiore di quanto non sia mai stata quella dei suoi due predecessori

Papa Francesco a Puerto Maldonado per abbracciare gli indigeni

Il Papa contro la cultura machista: "Donne schiave di violenza senza fine"

Nell'incontro con gli indigeni del Perù Bergoglio denuncia una situazione non più tollerabile

Papa Francesco incontra i Popoli Amazzonia nel Coliseo in Perù

Papa dagli Indios in Perù: "Lotto con voi per salvare l'Amazzonia"

Francesco continua il suo viaggio in Sudamerica e incontra i nativi

Trump interviene via video alla marcia anti-aborto a Washington: è la prima volta

Si tratta della prima apparizione pubblica di un presidente alla manifestazione: Reagan e George W. Bush si erano collegati con il corteo ma solo per telefono