Mercoledì 25 Maggio 2016 - 10:30

Francia, pugno duro sui sindacati: altri sgomberi in raffinerie

Sbloccati ieri altri depositi. Cannoni ad acqua per allontanare dimostranti

Francia, pugno duro sui sindacati: altri sgomberi in raffinerie

Interrotto il blocco dei membri del sindacato Cgt al deposito di carburante di Douchy-les-Mines, nel nord della Francia. La polizia è intervenuta dopo lo sgombero di altri depositi avvenuto ieri. Gli agenti hanno usato cannoni ad acqua per allontanare i circa 80 dimostranti, hanno fatto sapere fonti di polizia e della Confédération générale du travail. Intanto, il sindacato si prepara a scioperare alla centrale nucleare di Nogent-sur-Seine, in una ulteriore escalation delle proteste che stanno colpendo con scioperi anche i depositi e le raffinerie di petrolio, i servizi di metropolitane e ferroviari. I lavoratori iscritti alla Cgt dell'impianto a sudest di Parigi hanno votato ieri a favore dello sciopero di 24 ore con inizio oggi alle 21.

I dipendenti di altre centrali nucleari si incontreranno oggi per decidere se protestare allo stesso modo, ha dichiarato Laurent Langlard, portavoce del sindacato. Stamane il segretario di Stato Jean-Marie Le Guen ha dichiarato alla radio Rtl: "Una piccola minoranza sta tentando di radicalizzare le cose", ma "sbloccheremo la situazione" perché "un sindacato non può governare il Paese". Philippe Martinez, leader del potente sindacato Cgt, tra i più oltranzisti del Paese, ha dichiarato alla stessa radio: "Andremo avanti".

 

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Foto tratta dal profilo Twitter #SAVEAHMAD

L'accademico iraniano Djalali confessa: "Spionaggio per sabotare programma nucleare"

L'ammissione alla tv di Stato. Secondo la moglie, tuttavia, l'uomo, già condannato a morte, sarebbe stato costretto dai suoi interlocutori a leggere la confessione

Sventato attacco a San Pietroburgo grazie alla Cia. Putin ringrazia Trump

L'informazione fornita dall'agenzia ha permesso di arrestare alcuni terroristi, forse legati all'Isis, che preparavano attentati

Foto tratta dal profilo Twitter

Libano, diplomatica britannica strangolata dopo violenza sessuale

Il suo cadavere è stato trovato sul ciglio di una strada

Igor interrogato in Spagna: "Accetto processo in Italia"

Intanto, è caccia alla rete di complici che hanno concesso a Igor il russo di trasferirsi dall'Italia fino in Spagna