Sabato 25 Febbraio 2017 - 15:30

Francia, incriminato un altro collaboratore di Marine Le Pen

Pochi giorni fa era stata incriminata la capa di gabinetto della leader FN

Francia, incriminato un altro collaboratore di Marine Le Pen

Uno stretto collaboratore della leader del Front National francese, Marine Le Pen, è stato incriminato nell'ambito delle indagini sul finanziamento delle campagne elettorali del 2014 e 2015. Il collaboratore è Frédéric Chatillon, ha riferito Le Parisien, che si occupava della comunicazione del partito. Soltanto pochi giorni fa era stata incriminata un'altra collaboratrice di Le Pen, la capa di gabinetto Catherine Griset, in relazione alle indagini sui pagamenti di assistenti parlamentari del FN al Parlamento europeo. Chatillon, scrive Le Parisien, in passato è stato membro di un sindacato studentesco di estrema destra. Era incaricato della comunicazione del FN con la sua società Riwal. È stato incriminato il 15 febbraio per "abuso di beni sociali" nell'ambito delle indagini aperte a fine ottobre sulle elezioni municipali ed europee del 2014 e sulle regionali del 2015.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Tunisia.Rifugiati libici

Libia, 100 migranti chiusi in un tir: sei bimbi e due adulti morti soffocati

Le vittime, secondo quanto riportano le autorità libiche, sono morte a causa dei fumi della benzina

Thailandia, Musk attacca sub: "Pedofilo". Lui pronto a fare causa

Le accuse dell'ad di Tesla dopo che il sommozzatore ha bocciato la sua offerta di fornire un sottomarino in miniatura per estrarre i calciatori

SUMMIT G8 - IL PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI  BILL CLINTON STRINGE LA MANO A VLADIMIR PUTIN

Un leader russo, quattro presidenti Usa: Putin e i rapporti con Washington

Relazioni altalenanti nel bene e nel male, ma mai rapporti duraturi. Ecco i precedenti e la situazione attuale con Trump

Summit a Helsinki, Putin: "No interferenze in elezioni Usa". Trump: "Russiagate è una farsa"

Storico vertice nel palazzo presidenziale. Dal Russiagate alla Siria: tanti i nodi da sciogliere