Giovedì 23 Febbraio 2017 - 21:00

Francia, ecologista Jadot si ritira da corsa Eliseo: sosterrà Hamon

E lancia appello a Melenchon: "Unisciti con noi"

Francia, ecologista Jadot si ritira da corsa Eliseo: sosterrà Hamon

L'ecologista Yannick Jadot ha annunciato il ritiro della sua candidatura dalla corsa per le presidenziali di primavera in Francia e il suo sostegno al candidato socialista Benoit Hamon. L'annuncio è giunto stasera su France 2. Jadot ha spiegato di avere trovato un accordo con Hamon.

"Il nostro Paese è sull'orlo della rottura, si può passare al nauseabondo, al razzismo, Marine Le Pen, o si può passare alla speranza. La mia responsabilità, quella che mi sono assunto, è di superare gli egoismi, di aggirare gli apparati politici e di costruire la grande avventura di queste elezioni presidenziali", ha detto Jadot spiegando la sua decisione. "Questa sera ritiro la mia candidatura dalle elezioni presidenziali", ha affermato il finora candidato dei Verdi. Jadot ha detto di avere raggiunto un "accordo formidabile" con Hamon, il quale da un incontro ad Arras ha accolto con favore questa decisione, sottolineando che è la prima volta dal 1974 che il partito ecologista non è rappresentato al primo turno delle presidenziali.

Jadot ha anche lanciato un appello al leader della sinistra radicale Jean-Luc Melenchon affinché si unisca all'accordo suo e di Hamon. Al momento il tentato avvicinamento fra Melenchon e Hamon è a un punto morto.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Usa, Trump all'Iran: "Non minacciateci mai più, fate attenzione"

Il presidente americano su Twitter contro Rouhani che aveva avvertito gli Usa assicurando che un conflitto con Teheran sarebbe "la madre di tutte le guerre"

Paura a Toronto, sparatoria in strada: tre morti e 12 feriti

Un uomo armato, freddato poi dalla polizia, ha aperto il fuoco nel quartiere greco uccidendo una donna. Tra i coinvolti anche un bambino

Russiagate, Trump al contrattacco: "Fbi spiava la mia campagna"

Per il presidente il Bureau teneva sotto controllo un suo consulente per avvantaggiare Hillary Clinton

La Proactiva Open Arms in azione al largo della Libia

Migranti, appello del Papa: "Basta tragedie". Open Arms non denuncia Italia

Per l'ong la guardia costiera libica è colpevole di omissione di soccorso e omicidio colposo in relazione alla morte di due migranti. Tripoli nega: "Solo calunnie"