Mercoledì 12 Luglio 2017 - 17:15

Migranti, Francia e Germania: Grazie Italia, da sola hai retto l'urto

Ma Macron ribadisce: "Distinguere profughi da migranti economici"

G20 Amburgo - L'arrivo dei leader

Grandi complimenti all'Italia per quanto ha fatto per fronteggiare il fenomeno migratorio verso l'Europa, impegno a combatterne insieme le cause, qualche ammissione di colpa (Macron), ma anche (sempre Macron) la conferma che la Francia non accoglierà "migranti economici".  E' il succo (finora) dell'incontro trilaterale Italia-Francia-Germania iniziato a Trieste nell'ambito del vertice europeo sui Balcani. Sul tavolo di Merkel, Gentiloni e Macron, soprattutto il delicatissimo tema dell'immigrazione.

Macron ammette che "la Francia non ha sempre fatto la sua parte per quello che riguarda i rifugiati, ma stiamo accelerando i processsi". Macron ha espresso solidarietà all'Italia che si è trovata quasi da sola davanti al popolo dei migranti ma ha anche ribadito che la Francia continuerà a fare distinzione tra migranti economici e rifugiati: "Chi arriva da lontano, dalla Siria, dall'Eritrea e da altri Paesi dove si combatte per la libertà, deve esser accolto in Europa e soprattutto in Francia, ci assumeremo la nostra responsabilità", Poi ha denunciato una certa confusione sulla questione: "Nei dibattiti pubblici odierni confondiamo i temi, confondiamo i profughi politici con i migranti economici, che non hanno nulla che vedere gli uni con gli altri. Uomini e donne che rischiano la vita nei loro Paesi e che chiedono asilo, questo è un dovere di umanità. Ma i nostri Paesi non possono accogliere uomini e donne che per motivi economici cercano di venire a vivere nei nostri Paesi. Queste due realtà sono profondamente diverse",

Angela Merkel è stata anche più aperta nei confronti dell'impegno italiano: "L'Italia ha fatto cose eccezionali per quanto riguarda i migranti", siamo "solidali" e siamo "d'accordo che dobbiamo combattere le cause dell'immigrazione. Qui c'è veramente una grande unione tra noi, c'è l'idea di un'Europa che affronti assieme le sfide, è questo lo spirito". La cancelliera ha sottolineato che "tutti e tre siamo convinti che bisogna affrontare questa lotta all'immigrazione illegale - così la devo chiamare - vogliamo tutti stabilizzare la situazione in Libia e parlare anche con gli altri Paesi di provenienza dei migranti".

Paolo Gentiloni

ha insistito sul tema della "solidarietà europea" (che è certamente mancata in questi anni) e ha ribadito che l'Italia "ha fatto e continuerà a fare la sua parte sul tema del soccorso e dell'accoglienza, ma si batte perché la politica migratoria non sia affidata solo ad alcuni Paesi ma sia condivisa da tutta l'Ue con interventi in Africa, cooperazione nel Mediterraneo e in Libia".

 

 

 

 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Irlanda, domani il paese alle urne per il referendum sull'aborto

Storico referendum sull'aborto in Irlanda: pesano gli indecisi

Il Paese ha una delle leggi più restrittive d'Europa sull'interruzione volontaria di gravidanza, proibita in ogni sua forma

Corea del Nord, no al vertice Kim-Trump se basato su stop unilaterale al nucleare

Nord Corea, Trump: summit Singapore non si terrà anche se Kim ha smantellato sito test nucleari

L'annuncio in una lettera al leader nordcoreano dopo giorni di incertezza. Da Punggye-ri erano stati lanciatati i sei missili atomici

Oceano indiano, trovati rottami: si pensa al jet malese scomparso

Il missile che abbattè il volo MH17 fu lanciato da una brigata russa

La rivelazione del Joint Investigation Team che indaga sul caso dell'aereo della Malaysia Airlines

La figlia di M.L. King contro Bannon: "Mio padre fiero di Trump? Sarebbe molto preoccupato"

Bernice King non ha affatto apprezzato l'intervista dell'ex stratega del presidente alla Bbc