Domenica 22 Gennaio 2017 - 22:45

Francia, ballottaggio tra Hamon e Valls alle primarie socialiste

Domenica il voto per scegliere il candidato alle presidenziali

Francia, ballottaggio tra Hamon e Valls alle primarie socialiste

Sarà ballottaggio domenica prossima tra l'ex ministro dell'Educazione Benoît Hamon e l'ex primo ministro Manuel Valls per decidere il candidato dei socialisti alle elezioni presidenziali francesi, in programma il 23 aprile e il 7 maggio. Il primo turno, che si è tenuto oggi, ha decretato la vittoria di Hamon che, a risultati ancora parziali, ha ottenuto il 35,2% delle preferenze, davanti a Valls (31,6%). Escluso il terzo dei favoriti, l'ex ministro dell'Economia Arnaud Montebourg, fermo al 18,7%. Più indietro gli altri quattro candidati: l'ex ministro Vincent Peillon (poco sotto il 7%), l'ecologista François de Rugy (3,8%), la rappresentante del Partito radicale di sinistra Sylvia Pinel (2%), e il leader del Fronte democratico Jean-Luc Bennhamias (1%).

"Gli elettori di sinistra hanno votato con convinzione e non con rassegnazione. Hanno deciso di fare della questione sociale e della questione ecologica il senso delle loro esigenze", ha commentato Hamon, 49 anni, ex sindalistica, non appena conosciuto il risultato del voto, incassando subito il sostegno di Montebourg a cui ha voluto rivolgere un "messaggio di amicizia". Più volte in campagna elettorale ha detto: "Non sarò mai più socialista senza essere ambientalista".

Più duro il commento di Valls che, probabilmente, si aspettava un esito diverso. "Per il secondo turno delle primarie nulla è scritto. Sono felice di trovarmi faccia a faccia con Benoît Hamon" per una "nuova campagna elettorale che inizia questa sera", ha commentato. Si tratta, ha aggiunto l'ex primo ministro, 54 anni, "di una scelta molto chiara tra noi e voi, la scelta tra la sconfitta assicurata e la vittoria possibile, tra le promesse irrealizzabili e una sinistra credibile che si assume le responsabilità del Paese".

L'ago della bilancia potrebbe essere proprio Montebourg il quale ha annunciato il suo sostegno a Hamon e ha definito una "condanna" il secondo posto di Valls. Il risultato, sostiene, indica un rifiuto "massiccio" dei cinque anni di governo del presidente François Hollande e della deriva liberale che esso ha preso. Secondo Montebourg gli elettori vogliono "che la sinistra ritrovi la sua strada, che il fiume torni nel suo letto" e per questo hanno appoggiato una "strategia di impulso economico ed ecologico, di recupero del controllo del sistema finanziario, di reinvenzione del modello sociale". L'ex ministro ha poi fatto appello all'unione della sinistra poiché, sostiene, senza di essa non si potrà far fronte alla candidatura "liberale brutale" del conservatore François Fillon e alla leader del Front National Marine Le Pen.

Scritto da 
  • Ilaria Leccardi
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Venezuela, sommossa in carcere: almeno 37 morti, 14 feriti

Venezuela, sommossa in carcere: almeno 37 morti, 14 feriti

Avvenuta a Puerto Ayacucho, il numero dei morti rappresenta il 40% del totale rinchiuso

Bannon: Non c'è soluzione militare a minacce Pyongyang

Bannon: Non c'è soluzione militare a minacce Pyongyang

Interviene il consigliere del presidente degli Stati Uniti Donald Trump

Conferenza stampa sulla morte di Giulio Regeni

Regeni, bufera su governo dopo caso Nyt. Famiglia andrà al Cairo

Secondo Claudio Regeni e Paola Deffendi sarebbe sufficiente "un po' più di pressione sul governo egiziano" per fare chiarezza

Usa 2016, Donald Trump in campagna elettorale

Hope Hicks, nuova direttrice della comunicazione per Trump

Già nel 2016 era stata la portavoce della campagna elettorale di Donald Trump