Sabato 22 Aprile 2017 - 16:30

Francia, dal terrorismo alle tasse: programmi a confronto

Domani il primo turno per la corsa alla presidenza

Francia al voto, da lotta a terrorismo a taglio tasse: programmi a confronto

Uscire dall'Unione europea o restare ma abolire le norme sulla disciplina di bilancio Ue.  Passare a un sistema parlamentare o "ridimensionare lo Stato" con il taglio di impieghi pubblici e della spesa pubblica. Collaborazione con Russia, Iran e regime siriano per combattere lo Stato islamico o maggiore apertura verso gli Stati Uniti di Donald Trump. Sono le tante e diverse proposte dei candidati alla presidenza francese che domani si sfideranno al primo turno.

Ecco nel dettaglio i programmi dei 5 candidati maggiori:

MARINE LE PEN 'Front National'

- Sei mesi di negoziato con Bruxelles per una nuova Europa, cambiando radicalmente l'appartenenza della Francia e trasformando il blocco in una cooperativa sciolta di Paesi: non più euro, zona senza frontiere. Referendum sull'adesione all'Ue, la cosiddetta 'Frexit' alla fine dei sei mesi   - Rifiuto dei trattati commerciali internazionali  - Abbandonare la Nato
- 'Protezionismo intelligente': tassa del 3% sulle importazioni  - Dimezzare il numero dei parlamentari - Aumentare la crescita del Pil al 2% nel 2018 e al 2,5% nel 2020 -  Tagliare le tasse per le famiglie e aumentare le prestazioni sociali - Tagliare le imposte sui salari per le piccole e medie imprese  - Espulsione automatica dei migranti irregolari e blocco a 10mila arrivi all'anno  - Privilegiare i cittadini francesi per quanto riguarda l'edilizia sociale  - Età pensionabile fissata a 60 anni (ora è 62) e 35 ore di lavoro settimanali  - Nella lotta al terrorismo espulsione automatica degli stranieri che sono stati condannati e di tutti gli schedati con la 'fisce S', chiusura delle moschee 'radicali' e divieto di di finanziamento pubblico ai luoghi di culto, assumere 15mila poliziotti e costruire nuove carceri per altri 40mila detenuti, aumentare la spesa per la Difesa. Inoltre, rendere molto più difficile e complicato diventare cittadino francese: essere nati in Francia non basterà più.

FRANCOIS FILLON 'Les Républicains'

- Revisione di Schengen sui controlli alle frontiere esterne e interne - Dotare l'Europa di una forza di polizia esterna di frontiera - Tagliare mezzo milione di posti di lavoro nel settore pubblico  - Settimana lavorativa da 39 ore nel pubblico e nel privato - Rimozione dell'imposta sulla ricchezza  - Spingere i genitori che ricevono un'indennita sociale ad accettare un 'contratto di responsabilità genitoriale' per affrontare l'assenteismo o il comportamento dei bambini irrispettoso nei confronti dei valori della Repubblica  - Ridurre la spesa pubblica di 100 miliardi di euro in cinque anni con l'obiettivo di ridurre la spesa pubblica dal 57% del Pil attuale a meno del 50% entro il 2022 - Sollevare le sanzioni dell'Ue alla Russia e aiutare il presidente siriano  Bashar al-Assad a sconfiggere lo Stato Islamico - Riposizionare la Francia accanto agli Stati Uniti dopo l'elezione di Donald Trump e creare nuovi legami con Mosca - Nella lotta al terrorismo espellere gli stranieri terroristi, criminali o delinquenti condannati, aumentare di 10mila unità il numero di agenti di polizia e gendarmi, aumentare di 16mila unità i posti nelle carceri, applicare i dispositivi del codice penale che permette di condannare a pene fino a 30 anni di prigione tutti i francesi che hanno legami con il nemico, soprattutto coloro che sono tornati da Siria e Iraq.

EMMANUEL MACRON 'En marche!'

- Piano di investimenti pubblici da 50 miliardi di euro per finanziare la formazione professionale, il passaggio all'energia rinnovabile, le infrastrutture e la modernizzazione del Paese - Ridurre di un terzo il numero di legislatori sia nel Senato sia nell'Assemblea Nazionale - Rimborso del costo totale di occhiali, protesi dentali e apparecchi acustici - Grande taglio delle tasse alle aziende e maggior margine di manovra per le aziende di rinegoziare le 35 ore settimanali - Sussidi statali fino a 15mila euro per 3 anni alle imprese che assumono persone provenienti dalle 200 zone a basso reddito - Abbassare il tasso di disoccupazione a 7% (dal 9,7% attuale)  - Divieto di uso di telefoni cellulari nelle scuole per ragazzi di età inferiore ai 15 anni - Pass cultura di 500 euro per i 18enni - Nessun divieto di portare il velo musulmano agli studenti universitari  - Per la lotta al terrorismo intende terminare la guerra in Iraq e in Siria, creare una cellula speciale anti-Isis da 50-100 agenti piazzata intorno al presidente della Repubblica, creare 10mila nuovi posti di lavoro in polizia, aumentare i fondi alla Difesa al 2% del Pil (nel 2016 era poco sotto l'1,8%), richieste di asilo elaborate in sei mesi.

JEAN-LUC MÉLENCHON 'La France Insoumis'

- Aumentare la spesa pubblica a 275 miliardi di euro nel quinquennio da metà 2017 a metà 2022 per investimenti pubblici - Creazione 3,5 milioni di posti di lavoro per ridurre il tasso di disoccupazione al 6% (dall'attuale 9.7%) a seguito di ingenti investimenti pubblici nei progetti ambientali e nel sostegno ai servizi pubblici, tra cui l'assunzione di 60mila insegnanti statali e l'aumento degli agenti di polizia  - Iniziare un lavoro di riscrittura della costituzione per sostituire il sistema presidenziale esistente limitando i poteri del presidente, abbassare l'età del voto da 18 a 16 anni, proibire la presenza di più mandati  - Maggiori poteri all'Assemblea costituente, votata da rappresentazione proporzionale  - Rinegoziare trattati Ue per scongiurare austerity e consentire allo Stato francese di perseguire un massiccio programma favorevole all'ambiente di spesa per stimolare l'economia - Azzerare il numero dei senzatetto  - Rimborso completo per le cure sanitarie prescritte - Riconoscere l'esaurimento come malattia professionale  - Nella lotta al terrorismo sottoporre l'uscita dello stato di emergenza al voto del Parlamento, aumentare i mezzi delle forze anti-terrorismo, privare dei diritti civili i condannati per frode fiscale e o attività illegali che finanziano il terrorismo.

BENOIT HAMON Partito socialista

- Riduzione dell'orario di lavoro - Istituire un reddito universale di esistenza di 535 euro al mese, finanziato in parte da un sorta di 'tassa-robot'   - Aumentare gli stipendi di coloro che guadagnano meno di 2.185 euro al mese - Assegno di 600 euro al mese ai disoccupati e un salario minimo di circa 200 euro - Puntare sull'energia rinnovabile per creare il 50% dell'elettricità entro il 2025 - Allargamento della riforma dell'istruzione dell'obbligo fino al liceo - Legalizzare la cannabis con una distribuzione controllata da parte dello Stato - Nella lotta al terrorismo rinforzare i mezzi di informazione territoriale, creare 9mila posti di lavoro in più per poliziotti e gendarmi, rinforzare i controlli d'accesso ai luoghi pubblici e ai mezzi di trasporto pubblico.

Scritto da 
  • Valentina Innocente
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Russiagate, da Mueller mandato comparizione per Bannon

L'ex capo stratega della Casa Bianca chiamato per testimoniare davanti a un grand jury sui possibili legami fra lo staff di Trump e la Russia durante la campagna elettorale

Papa Francesco in Cile

Cile, altre 3 chiese attaccate all'alba: 9 da scorsa settimana

Gli ultimi attacchi incendiari qualche ora dopo l'arrivo di Papa Francesco.

Papa Francesco Incontro con le Autorità, con la Società civile di Santiago

Cile, Papa chiede perdono per scandali pedofilia: "Vergogna, non si ripeta"

Il pontefice parlando alle autorità cilene nel Palacio de la Moneda di Santiago su decenni di episodi perpetrati da sacerdoti

Verginità all'asta per pagarsi gli studi: 18enne italiana raccoglie 1 milione di euro

Vuole studiare a Cambridge, acquistare una casa e viaggiare: perciò ha preso la decisione di vendersi sul web. The Sun l'ha sentita e assicura che non è un falso