Giovedì 15 Giugno 2017 - 15:30

Fotoricatti a vertici Mediaset, a Emilio Fede 2 anni e 3 mesi

L'ex direttore del Tg4 dovrà anche risarcire 20mila euro

Fotoricatti a vertici Mediaset, Fede condannato a 2 anni e 3 mesi

 Il Tribunale di Milano ha condannato Emilio Fede a 2 anni e 3 mesi di reclusione per i fotoricatti ai vertici di Mediaset. L'ex direttore del Tg4 dovrà anche risarcire con una provvisionale da 20 mila euro immediatamente esecutiva Mauro Crippa, capo della comunicazione del Biscione, oggetto di uno dei tentativi di estorsione che per il giudice della sesta sezione penale Aldo Carboni Fede avrebbe messo a segno. Il giornalista dovrà anche risarcire con 2mila euro il suo personal trainer Gaetano Ferri (già condannato in appello per questa vicenda) che avrebbe realizzato fotomontaggi di dirigenti del Biscione in pose osé e si sarebbe incaricato di chiedere soldi in cambio della consegna delle foto.

Secondo il pm Silvia Perrucci Fede avrebbe fatto fare i fotomontaggi dal suo personal trainer nel 2012, quando è stato licenziato da Mediaset. L'obiettivo di Fede, per l'accusa, era quello di ottenere una buonuscita più vantaggiosa. Il pm Silvia Perrucci aveva chiesto 4 anni e 9 mesi. Lunedì scorso l'ex direttore del Tg4 è stato condannato dai giudici della terza sezione penale del Tribunale di Milano a 3 anni e mezzo per concorso in bancarotta con Lele Mora.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Torino, crollato un pezzo della scenografia della Turandot al Regio

Torino, cade pezzo di scenografia al Teatro Regio: feriti due coristi

L'incidente durante il secondo atto della Turandot

Fontane prese d'assalto dai turisti

Cambia il clima: gli ultimi tre anni tra i più caldi di sempre

Uno studio OMM. Anche il 2017 si colloca ai livelli degli altri due confermando una tendenza. Forte il riscaldamento Artico

Milano, presidio memoria lavoratori della Lamina

Milano, incidente sul lavoro in un'azienda: morto il quarto operaio

Era sopravvissuto ma è rimasto in condizioni critiche per giorni. Nella disgrazia hanno perso la vita altri tre colleghi: uno era il fratello