Venerdì 03 Giugno 2016 - 15:15

Forze irachene liberano dall'Isis città vicino a Falluja

Dalla città nelle ultime 24 ore sono fuggite circa 70 famiglie attraverso il fiume Eufrate

Forze irachene liberano dall'Isis città vicino a Falluja

Le forze irachene hanno ripreso oggi il controllo di una popolazione a nord-est della città di Falluja, all'interno dell'offensiva per cacciare lo Stato Islamico dalla zona. Lo ha reso noto una fonte di sicurezza. Le forze congiunte tra membri dell'esercito, la polizia e la milizia sciita di Mobilitazione popolare, con l'appoggio dell'aviazione governativa, hanno liberato il villaggio di Al Azqriya, a 12 chilometri da Falluja. Secondo la fonte, negli scontri sono morti decine di jihadisti e sono state distrutte molte auto del gruppo.
 

Le forze irachene stanno ora avanzando a nord e nord-ovest della città con l'obiettivo di prendere il controllo totale della zona. Da Falluja nelle ultime 24 ore sono fuggite circa 70 famiglie attraverso il fiume Eufrate. Secondo l'Onu, circa 50mila civili sono bloccati a Falluja, di cui 20mila bambini.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

FRA, UEFA EL, Olympique Marseille vs Atletico Madrid

Francia, 32enne originario del Burkina Faso picchiato a morte da adolescenti

L'aggressione nel quartiere Saragosse venerdì sera. Massacrato da una gang di giovani, tra i 12 e 14 anni, che avrebbero usato anche il piede di una sedia di plastica

US-POLITICS-TRUMP-PRISON REFORM

Russiagate, Trump chiede inchiesta su spionaggio durante sua campagna

Il presidente Usa vuole fare chiarezza sulla possibile infiltrazione dell'amministrazione Obama

Lo chef Mario Batali coinvolto in un caso di molestie sessuali a passeggio per New York

Usa, nuove accuse di molestie e violenza contro lo chef Mario Batali

Avrebbe aggredito due ex dipendenti del ristorante newyorkese 'The Spotted Pig' sotto l'effetto di droghe e alcol

Venezuela,Maduro riconfermato presidente

Venezuela, rieletto Maduro. Ma l'opposizione grida ai brogli

Il presidente riconfermato fino al 2025. Gli avversari denunciano pressioni sugli elettori e chiedono una nuova consultazione