Mercoledì 06 Aprile 2016 - 13:45

Fondi Pdl, assolto Gasparri: non fu peculato

Il senatore azzurro era accusato di essersi appropriato di 600mila euro destinati all'allora gruppo del Popolo delle libertà

Fondi Pdl, tribunale Roma assolve Gasparri: non fu peculato

Maurizio Gasparri, senatore di Forza Italia, è stato assolto dai giudici del tribunale di Roma dall'accusa di peculato perché "il fatto non sussiste". Secondo quanto contestato dall'accusa, che aveva chiesto due anni e otto mesi prima dell'assoluzione di oggi, Gasparri si sarebbe appropriato di 600mila euro destinati all'allora gruppo del Popolo delle libertà che l'ex ministro avrebbe utilizzato per una polizza vita a lui intestata nel marzo 2012. Quei fondi pubblici erano destinati al funzionamento del gruppo, hanno sostenuto i pm Alberto Pioletti e Giorgio Orano, ma sarebbero stati utilizzati per la sottoscrizione di una polizza a vita a suo nome. Nel 2014 Gasparri, che si è detto sempre innocente, ha restituito al partito i 600mila euro.

"Il processo ha avuto la sua conclusione naturale: l'insussistenza del fatto era nelle cose e il dibattimento ha consentito una verifica puntale e ineludibile. La decisione del tribunale è stata consequenziale", ha commentato Giuseppe Valentino, legale difensore di Maurizio Gasparri, subito dopo la sentenza di assoluzione pronunciata dai giudici della decima sezione penale. "Ringrazio gli avvocati Giuseppe Valentino e Antonio Giambrone che hanno fatto valere, nel corso del processo, la forza della verità. Non ho polemizzato in questi anni di amarezza perché confidavo in un giudizio sereno e obiettivo del tribunale alle cui valutazioni mi sono affidato, né intendo farlo ora". Così Maurizio Gasparri, senatore di Forza Italia, ha commentato la sentenza di oggi del tribunale di Roma che lo ha assolto dall'accusa di peculato di fondi del gruppo del Popolo delle libertà. "Mi rende piena soddisfazione - ha aggiunto - la sentenza che, in riferimento alle ingiuste accuse rivoltemi, ha stabilito l'insussistenza del fatto. Ringrazio poi tutti coloro che si sono fidati delle mie affermazioni e che hanno evitato gratuite e infondate polemiche. Proseguo ovviamente con ancora maggior forza la mia coerente, trasparente, rigorosa battaglia politica". 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Referendum sull'autonomia della Lombardia, a Lozza il voto di Roberto Maroni

Referendum autonomia, Veneto al 57,3%, trionfa il Sì al 98,1%. Lombardia: "Sì" al 95,3%

Alle 3 del mattino (573 comuni su 575) il Veneto al 57,3%%. La Lombardia è ufficialmente ferma ai 37,07%. Il dato definitivo dovrebbe essere intorno al 40%. Zaia: "Qui comincia il big bang. Chiederemo che restino i nove decimi delle tasse"

Referendum sull'autonomia del Veneto, a San Vendemiano il voto del governatore Luca Zaia

Referendum autonomia: alle 19 l'affluenza è del 50,1% in Veneto, Lombardia al 31,81%

Dai risultati dipenderà il potere contrattuale dei due presidenti di Regione nell'eventuale trattativa con il governo per ottenere la gestione a livello regionale di materie oggi di competenza centrale. Raggiunto il quorum in Veneto

Referendum, elettore fa più di 6mila km per andare a votare in Veneto

Referendum, elettore fa più di 6mila km per andare a votare in Veneto

Marco Gambaretto vive e lavora nel Golfo Persico ma ha deciso di tornare a San Giovanni Ilarione, in provincia di Verona, per andare alle urne

Mdp tende la mano al Pd. Ma Renzi: "Prima ok a Rosatellum"

Speranza apre ai dem e si dice pronto a una coalizione di centrosinistra