Lunedì 30 Gennaio 2012 - 16:50

Fondi editoria, Ciarrapico e altre 11 persone rinviate a giudizio

IMG

Roma, 30 gen. (LaPresse) - Avrebbero orchestrato e partecipato ad una maxitruffa al fine di ottenere indebitamente dalla presidenza del consiglio dei ministri contributi per l'editoria. Per questo dodici persone sono state rinviate a giudizio. Tra queste anche Giuseppe Ciarrapico, editore e senatore Pdl, e il figlio Tullio. Il processo è stato disposto dal gup Nicola Di Grazia ed avrà inizio 28 giugno prossimo davanti al giudice monocratico. Il giudice ha inoltre dichiarato il non doversi procedere per intervenuta prescrizione in relazione ai fatti avvenuti tra il 2002 e il 2003 (le contestazioni arrivano fino al gennaio 2010), nonché nei confronti della società Nuova Editoriale Oggi (reato prescritto) e della Editoriale Ciociaria Oggi srl (società fallita). Truffa aggravata ai danni dello Stato, favoreggiamento, violazione della disciplina della responsabilità amministrativa delle società, dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti. Questi i reati contestati, a seconda delle singole posizioni processuali, dalla Procura di Roma.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Viminale: Le Amministrative si svolgeranno l'11 giugno

Viminale: Le Amministrative si svolgeranno l'11 giugno

Il ministro dell'Interno Minniti ha fissato la data per lo svolgimento delle consultazioni

Def, Bersani: Sostegno a Gentiloni ma non a tutti i costi

Def, Bersani: Mdp sostiene Gentiloni, ma non a tutti i costi

"Premier realizzi che c'è forza non al governo ma nella maggioranza"

Rossi: Il Pd ripropone il Mattarellum per allungare brodo

Rossi: Il Pd ripropone il Mattarellum per allungare brodo

"Gli italiani non vogliono un parlamento di vassalli inginocchiati"

Cassimatis contro Grillo: Neppure nella Repubblica delle banane

Cassimatis contro Grillo: Neppure nella Repubblica delle banane

L'attacco della candidata sindaca Genova, poi 'destituita'