Venerdì 03 Marzo 2017 - 16:15

Fisco, stretta su falsi residenti all'estero: controlli incrociati

Nel mirino i redditi detenuti in altri Paesi e non dichiarati da parte dei contribuenti

 Fisco, stretta su falsi residenti all'estero, controlli incrociati

Stretta contro i falsi residenti all'estero. L'Agenzia delle Entrate accende i fari sui capitali e i redditi detenuti all'estero e non dichiarati da parte dei contribuenti italiani che hanno trasferito la residenza fuori dal territorio nazionale a partire dal 1 gennaio 2010. Il provvedimento, firmato dalla direttrice delle Entrate, Rossella Orlandi, stabilisce che le attività di controllo verranno effettuate sulla base di apposite liste selettive, in cui confluiranno prioritariamente le situazioni più anomale di trasferimento della residenza e che permetteranno di effettuare controlli incrociati sui dati.

L'identikit dei soggetti viene stilato dall'Agenzia utilizzando un applicativo informatico denominato So.No.Re. (Soggetti Non Residenti) e incrociando le informazioni disponibili nella banca dati delle Entrate con quelle derivanti dallo  Spesometro e dallo scambio di informazioni attivato sulla base di direttive europee (Direttive DAC1 e DAC2) e accordi internazionali con le amministrazioni fiscali estere (Fatca e Common Reporting Standard) che saranno progressivamente disponibili.

I criteri che verranno utilizzati dall'Agenzia si basano in sostanza sulla presenza di più elementi che fanno ipotizzare l'effettiva permanenza dei cittadini in Italia. Un caso tipico può essere rappresentato da un soggetto che ha trasferito la residenza in un Paese a fiscalità  privilegiata  per  il  quale  risultano  la  mancata  partecipazione alla voluntary disclosure, l'esistenza di movimenti di capitali da e per l'estero e altri elementi che lascino supporre l'effettiva permanenza in Italia.

In attuazione dell'art. 7, comma 3, del  Dl  n.193/2016, che ha introdotto nell'ordinamento italiano la formazione delle liste selettive in esame, il provvedimento detta  anche  le  modalità di acquisizione da parte dell'Agenzia dei dati dei cittadini italiani che hanno trasferito la propria residenza all'estero. Entro sei mesi dalla richiesta di iscrizione all'Aire, l'Agenzia riceverà i dati anagrafici dei richiedenti, sulla base delle convenzioni stipulate con il Ministero dell'Interno.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Presentazione del XVI Rapporto annuale dell’INPS

Dl dignità, governo contro Boeri. Lui ribatte: "I dati non si fanno intimidire"

Il ministro del Lavoro si era scagliato contro le lobby che avrebbero modificato la relazione tecnica sul decreto

Imprese schiacciate dalla burocrazia: al Sud fino a 15 anni per iter fallimento

L'allarme di Unimpresa: "La lentezza della giustizia civile ha un peso enorme nell'andamento del nostro Pil"

Coldiretti spinge sui voucher e avvisa: "Nei campi 345mila stranieri regolari"

L'associazione chiede anche di eliminare l'embargo alla Russia. E sull'allarme listeria: "Estendere obbligo sull'etichetta di origine dei prodotti"

Banca d'Italia - relazione del governatore di Bankitalia all'Assemblea Ordinaria

Debito a livelli record. Bankitalia: "Servono conti pubblici credibili"

Toccati i 2.327,4 miliardi. Il ministro Tria: "Calo del debito non è in discussione, ribaltare tendenza"