Giovedì 28 Gennaio 2016 - 17:00

Fisco italiano contro Google: Paghi 300 milioni di imposte

Il colosso avrebbe evaso milioni tra il 2008 e il 2013

Google

Nuovi guai fiscali per Google. La guardia di finanza di Milano ha notificato un 'processo verbale di accertamento' per la riscossione di 300 milioni di euro, "evasi", nel periodo dal 2008 al 2013.

Google, da quanto è emerso dagli accertamenti effettuati dalla Procura di Milano e dalla guardia di finanza, tra 2008 al 2013 non avrebbe dichiarato circa 100 milioni di redditi al fisco italiano e non avrebbe applicato e pagato ritenute su royalties per altri 200 milioni di euro. L'attività di verifica nei confronti del colosso di Mountain View, praticamente conclusa, verrà chiusa formalmente nelle prossime ore. A questo punto Google dovrà affrontare il procedimento penale per la presunta maxi evasione e in parallelo quello amministrativo davanti all'Agenzia delle Entrate e si troverà davanti ad un bivio: stringere un accordo oppure aprire un contenzioso. Sarà compito dell'Agenzia delle Entrate stabilire nel dettaglio la somma che Google dovrà pagare per "sanare" la propria posizione con il fisco. E il conto potrebbe essere parecchio salato, se si pensa che ai 200 milioni di ritenute sulle royalties non versati andranno ad aggiungersi sanzioni e interessi. Per quanto riguarda i 100 milioni di reddito non dichiarato, invece, il colosso di Mountain View dovrà versare l'imposta evasa (l'aliquota applicata in questi casi, normalmente, si aggira intorno al 27%).

Fino a poche settimane si parlava di una trattativa in atto, poi smentita, tra i vertici del colosso tecnologico e l'Agenzia delle Entrate, che avrebbero concordato il pagamento di una somma che si aggirava trai 150 e i 200 milioni di euro. Adesso la vicenda è arrivata ad una svolta e con la chiusura dell'attività di verifica da parte delle fiamme gialle, Google verrà messa "con le spalle al muro". Se il colosso di Mountain View deciderà di chiudere la partita con il Fisco italiano, potrebbe essere costretta a versare trai 220 e i 270 milioni (forbice piuttosto ampia, che però tiene conto di una serie di variabili difficili da calcolare) e la decisione peserebbe favorevolmente anche sull'esito del procedimento penale. Se invece il motore di ricerca dovesse imboccare la strada del contenzioso, il "conto" potrebbe essere ben più salato.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Vaccini e autismo, film 'Vaxxed' arriva in Senato: è polemica

Vaccini e autismo, film 'Vaxxed' arriva in Senato: è polemica

L'Istituto Superiore di Sanità attacca: "Sconcerto e indignazione"

Caso Yara, giudici su Bossetti: Crudeltà nata da avances sessuali respinte

Caso Yara, giudici su Bossetti: Crudeltà nata da avances sessuali respinte

"Il suo animo è malvagio", si legge nelle motivazioni della sentenza di condanna all'ergastolo

Arrestato ad Abu Dhabi rampollo milanese: frode da 1 miliardo

Arrestato ad Abu Dhabi rampollo milanese: frode da 1 miliardo

Si tratta di Cetti Serbelloni, era ricercato per una condanna a 8 anni

Insulti, schiaffi e calci: arrestate 3 maestre per maltrattamenti sui bambini

Insulti e calci: arrestate 3 maestre per maltrattamenti su bimbi

E' successo a Partinico, in provincia di Palermo