Martedì 29 Novembre 2016 - 07:00

Firme false M5S, sospesi Nuti, Di Vita, Mannino e Busalacchi

"Il loro comportamento pregiudica l'immagine del Movimento"

Firme false M5S, probiviri sospendono Nuti, Di Vita, Mannino e Busalacchi

I probiviri hanno sospeso dal M5S, in via cautelare, tre deputati e una attivista, Claudia Mannino, Giulia Di Vita, Riccardo Nuti e Samantha Busalacchi, coinvolti nell'inchiesta della procura di Palermo sulle presunte firme false. "Il Collegio dei probiviri dispone la sospensione cautelare dal Movimento 5 Stelle dei signori Claudia Mannino, Giulia Di Vita, Riccardo Nuti e Samantha Busalacchi" in seguito alla vicenda delle presunte firme false, riporta il blog di Beppe Grillo in un post firmato da Paola Carinelli, Nunzia Catalfo, Riccardo Fraccaro. "E' stata data comunicazione al collegio dei probiviri - si legge - di decidere in merito alla sospensione cautelare degli iscritti M5S indagati a Palermo di cui si è venuti a conoscenza: i portavoce alla Camera Di Vita, Nuti, Mannino e l'attivista Busalacchi. In particolare è stato segnalato come comportamento lesivo il non aver raccolto l'appello del garante del MoVimento 5 Stelle che aveva chiesto un'autosospensione a tutela dell'immagine del MoVimento non appena si fosse venuti a conoscenza di un'indagine a carico. Per quanto riguarda Nuti, Mannino e Busalacchi sono stati segnalati inoltre come comportamenti non conformi ai principi del MoVimento l'avvalersi della facoltà di non rispondere di fronte ai pm e il rifiuto di procurare un saggio grafico (come appreso dalle agenzie di stampa".

LEGGI ANCHE Firme false M5S, indagati salgono a 13. Mannino e Nuti in procura

"Il collegio dei probiviri - riferisce ancora il blog di Beppe Grillo - ha adottato la seguente decisione: vista la comunicazione del gestore del sito del Movimento 5 Stelle pervenuta in data odierna relative alle posizioni dei portavoce Claudia Mannino,GIiulia Di Vita, Riccardo Nuti e della iscritta Samantha Busalacchi relative ai fatti oggetto di indagine da parte della Procura di Palermo; Visti gli artt. 4 e 5 del regolamento del Movimento 5 Stelle; esaminate lle comunicazioni intercorse tra il gestore del sito e i soggetti di cui sopra da cui emerge che gli stessi hanno comunicato di aver ricevuto provvedimento di convocazione quale persona indagata dalla Procura di Palermo; considerato che il comportamento tenuto dal principio dai signori Mannino, Di Vita, Nuti e Busalacchi, è suscettibile di pregiudicare l'immagine del Movimento 5 Stelle; ritenuto che sussistono le condizioni previste dall'art. 4 del regolamento per disporre la sospensione cautelare dal Movimento 5 Stelle, nelle more dell'avvio della fase istruttoria del procedimento disciplinare. Il collegio dei probiviri dispone la sospensione cautelare dal Movimento 5 Stelle dei signori Mannino Claudia, Di Vita Giulia, Nuti Riccardo e Busalacchi Samantha. Ogni valutazione definitiva sull'eventuale addebito disciplinare sarà effettuata nella piena cognizione di tutti i fatti rilevanti di cui al presente procedimento, anche all'esito delle valutazioni svolte dall'autorità giudiziaria e nel contraddittorio con gli interessati". Il post porta la firma dei Cinquestelle Paola Carinelli, Nunzia Catalfo, Riccardo Fraccaro.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Pierre Moscovici

Referendum, Moscovici (Ue): Toccati da esito, ma l'Italia è solida.

Il ministro tedesco Schaeuble: "Non bisogna parlare di crisi euro, Italia continui su strada di Renzi"

Matteo Renzi

Referendum, Renzi: Non pensavo mi odiassero così tanto

Sono gli avversari, non gli italiani, quelli a cui il presidente del Consiglio si riferisce

Referendum, Brunetta: Nessuno pensi al governo Renzi-bis

Referendum, Brunetta: Nessuno pensi al governo Renzi-bis

La "fine di un incubo" iniziato nel 2011 per l'esponente di Forza Italia