Mercoledì 02 Marzo 2016 - 17:30

Firenze, esperto: No conseguenze se bimba ingerito droga per caso

Oggi una bambina di 14 mesi è stata ricoverata per un'intossicazione da cocaina e ansiolitici

Firenze, esperto: No conseguenze se bimba ingerito droga per caso

"Sono casi rari ma quando succedono la prima domanda che le persone si pongono è: come fa una bimba di 14 mesi a essere ricoverata in prognosi riservata per un'intossicazione da cocaina e ansiolitici? Le spiegazioni possibili sono solo tre. O la bimba ha inalato i vapori di droga, se è stata fumata, o le è stato somministrato lo stupefacente consapevolmente, o qualcuno con le mani sporche ha toccato le sue mucose, come la lingua". A spiegarlo è Daniele Farina, dirigente del reparto di neonatologia dell'ospedale Sant'Anna di Torino. L'esperto commenta così a LaPresse la notizia della bambina ricoverata all'ospedale Meyer di Firenze, che, fortunatamente, non è in pericolo di vita ma resta in prognosi riservata dopo che nel suo corpo sono state trovate tracce di cocaina e ansiolitici. "La sintomatologia in questi casi è l'irritabilità, i tremori, l'alterazione di coscienza fino al coma. E nel caso di Firenze gli effetti delle due sostanze si potenziano", aggiunge Farina sottolineando che "un episodio casuale può non lasciare danni permanenti nel corpo". "Quello che fa danni - spiega - è l'assunzione continuativa in gravidanza".

Al livello clinico sono più frequenti i casi di neonati che nascono da madri tossicodipendenti e che possono patire delle vere e proprie crisi di astinenza già poche ore dopo la nascita. "Se la madre continua a drogarsi durante la gravidanza, quando il bimbo viene alla luce è come se fosse assuefatto alla sostanza. Quindi può manifestare sintomi di carenza che si possono manifestare in un arco di tempo che va dalle 4 ore fino a 5-6 giorni dopo la nascita. Al feto, infatti, la droga arriva attraverso la placenta. Nei casi più gravi si è costretti a intervenire con una terapia addirittura a base di morfina o barbiturici, mentre nei casi lievi si tende solo a controllare e calmare i piccoli". Nonostante la gravità della situazione, non è la crisi di astinenza a causare il danno quanto l'assunzione di droga da parte della madre durante la gestazione. "Questo - afferma il dottore - può provocare problemi neurologici gravi. E, anche se a livello sociale, l'allarme è minore, a livello clinico l'alcool è altrettanto grave rispetto a ogni tipo di droga".

A Torino non si sono mai verificati casi come simili a quello di Firenze. "Ricordo solo - conclude Farina - di un caso totalmente accidentale di un bimbo arrivato in ospedale con un'intossicazione da ansiolitici. Era a casa della nonna e aveva scambiato le pastiglie colorate che prendeva l'anziana per dei confettini. Ne ha mangiati un po', poi è stato male. Lo abbiamo curato per l'intossicazione ma è guarito bene e presto".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa arrivato a Tblisi: Nel Caucaso per favorire il dialogo

Papa arrivato a Tblisi: Nel Caucaso per favorire il dialogo

Viaggio in Georgia e Azerbaigian per il Pontefice

Quadri Van Gogh ritrovati erano in top ten opere ricercate da Fbi

Quadri Van Gogh ritrovati erano in top ten opere ricercate da Fbi

Il direttore del museo di Amsterdam: "Non ci speravo più"

I cambiamenti climatici spiegati ai bimbi con l'app MeteoHeroes

I cambiamenti climatici spiegati ai bimbi con l'app MeteoHeroes

Al via il progetto crossmediale realizzato dal Centro Epson Meteo per promuovere la cultura ambientale e meteorologico