Venerdì 04 Novembre 2016 - 11:00

Firenze, cinquant'anni fa la tragedia dell'alluvione /FOTO

Il 4 novembre del 1966, l'Arno straripò e inondò la città

Firenze, cinquant'anni fa la tragedia dell'alluvione

Il 4 novembre di 50 anni fa, l'Arno straripò e inondò la città di Firenze, distruggendo un patrimonio artistico inestimabile e lasciando dietro di sè tra il capoluogo e la provincia 35 morti. Una catastrofe non annunciata che colse di sorpresa la città. Solo nel 1844 ci fu un'inondazione simile che allagò gran parte della città. Firenze fino a quel momento non aveva conosciuto calamità che potessero piegarla così. La pioggia aveva cominciato a cadere da una settimana ma nessuno aveva immaginato quel che da lì a poco sarebbe accaduto. Infatti solo l'area toscana del nordest dava maggiori preoccupazioni e si stava preparando al peggio. Ma a Firenze no.

Fu così che la sera del 4 novembre del 1966, l'Arno ruppe gli argini, sommergendo nel fango gran parte della città e portandosi via più di 30 vite. Subito si mossero i soccorsi, con le forze dell’ordine in prima linea a prestare soccorso alla popolazione, insieme a una moltitudine di ragazzi, che si riversarono a Firenze da ogni parte del mondo, per cercare di salvare le opere d’arte che, ancora oggi, costellano la città toscana: giovani che sono stati ribattezzati come gli 'angeli del fango'. All'epoca dell'alluvione, il 4 novembre era festa nazionale per l'anniversario della vittoria nella Prima guerra mondiale e i cittadini si apprestavano a trascorre a casa la giornata. Il numero delle vittime dell'inondazione fu relativamente basso, probabilmente anche per questo motivo: infatti si suppone che sarebbe stato molto più elevato se le acque avessero colto i fiorentini mentre andavano al lavoro o i contadini nelle campagne limitrofe la città se fossero stati nei campi come in un normale giorno lavorativo. Le piogge incessanti dei giorni precedenti avevano fatto scattare, giovedì 3 novembre, l'allarme nel Casentino e sul Mugello, due zone da sempre soggette alle piene dell'Arno e dei suoi affluenti.

Nel frattempo su Firenze si stava abbattendo un violento temporale. Nella notte tra giovedì e venerdì 4 novembre il livello del fiume ha cominciato a crescere a gran velocità. L'idrometro prima di andare distrutto segnava 8,69 metri. Nel frattempo la temperatura climatica è salita rapidamente di 5 gradi: uno sbalzo che ha provocato lo scioglimento delle nevi sui rilievi montuosi che ha fatto discendere a valle ancora più acqua, che è andata ad aggiungersi alle precipitazioni piovose. Nel centro città fiorentino tutto era pronto per la festa delle Forze Armate: il tricolore ornava le vie e gli stendardi era affissi, ma la mattina del 4 novembre l'acqua ha cominciato a zampillare dai muretti e ad affiorare dai tombini. Alle 4 del mattino le acque hanno invaso il lungarno Benvenuto Cellini e hanno iniziato a scorrere per via dei Renai sommergendo buona parte dell'Oltrarno storico. E' iniziato il dramma. La situazione andava via via peggiorando e altre area della città sono entrate in crisi: le persone trovavano rifugio sui tetti o nei piani alti delle abitazioni, la luce elettrica era saltata. A mezzogiorno Firenze registrava le prime vittime note mentre i cittadini cercavano di salvare i detenuti del carcere delle Murate dalla 'fine del topo' ospitando i fuggiaschi ai piani alti delle loro case e offrendo loro del cibo. In serata arrivano massicci i soccorsi, insieme all'esercito e ai vari corpi delle forze dell'ordine, si aggiunsero i bagnini della Versilia e tanti giovani che offrirono il loro aiuto. L'alluvione del 1966 fu evento eccezionale e inaspettato per le sue proporzioni. Infatti seppure l'Arno ha straripato spesso mai aveva raggiunto una furia simile.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Roma, trovato cadavere della studentessa cinese scomparsa

Roma, trovato il cadavere della studentessa cinese scomparsa

Il copro era vicino alla ferrovia, la ragazza potrebbe essere stata investita da un treno

'Ndrangheta, 14 arresti: fermato anche sindaco Bova Marina

'Ndrangheta, 14 arresti: fermato anche sindaco Bova Marina

Maxi blitz dei carabinieri di Reggio Calabria

Papa avverte: Oggi mancano leader, ma l'Europa ne ha bisogno

Papa: Oggi mancano leader, ma l'Europa ne ha bisogno

Il Pontefice contro l'ipocrisia dei governi: "Diciamo 'Mai più guerra' ma intanto fabbrichiamo armi"

Istat, il 28,7% dei residenti in Italia è a rischio povertà

Istat, il 28,7% dei residenti in Italia è a rischio povertà

Cresce anche il divario tra le famiglie ricche e quelle povere